Home » Ambiente »In Evidenza » Articolo:

ex Gozzini : Il Mostro Dormiente – Un disastro ecologico annunciato

federico maggio 6, 2013 Ambiente, In Evidenza 5 Comments

ex gozzini santa croce amianto

Le Officine Gozzini Emilio & Figli nascono nel 1906 a Santa Croce sull’Arno, l’azienda fu fondata da Emilio Gozzini che svolgeva attività di falegnameria nella sua bottega, con il passare degli anni nascono i primi bottali e, con il boom economico e lo sviluppo dell’attività conciaria, soprattutto nella zona del cuoio, Officine Gozzini diventa la seconda azienda toscana, dopo solo alla Piaggio, un vanto per S. Croce!

La bella favola finisce negli anni ’90, complice un disgraziato avvicendamento dirigenziale. Si susseguono licenziamenti, vertenze sindacali…si arriva al fallimento. Da qui in poi inizia l’incubo.
La struttura si estende, infatti, per una superficie di 35.000 mq., dove trovano collocamento 19.000 mq tra capannoni, laboratori, fonderie e altri locali adibiti alla lavorazione industriale e sono proprio le coperture di questi locali a far tremare i cittadini santacrocesi: l’ottanta per cento di esse, corrispondente a circa 12.000 mq è costituito da onduline in cemento-amianto, meglio noto come “ETERNIT”.
L’area ex Gozzini è un mostro che dorme!
L’amianto è stato messo al bando dal 1992 per la sua alta pericolosità, nonostante questo non esiste una normativa che obblighi alla rimozione delle coperture in eternit quando integre e ben conservate, condizione che non è presente nel caso delle ex Officine Gozzini.
I principali fattori per valutare la pericolosità delle coperture in cemento-amianto sono:

  • Friabilità del materiale
  • Affioramento di fibre e presenza di licheni, sfaldamenti, crepe o rotture
  • Presenza di materiale friabile in corrispondenza di scoli di acqua o grondaie

In questo caso sono presenti tutti questi fattori di rischio che sono visibili ad occhio nudo, come ci documentano delle foto inviateci da alcuni cittadini, preoccupati della grave situazione di pericolo.
Oltre all’amianto, fa paura lo stato di degrado in cui versa la zona, facilmente accessibile da chiunque voglia entrarci. All’interno si possono trovare vecchi macchinari in disuso, strutture pericolanti, invasi pieni di acqua e rifiuti di ogni genere, tra cui materassi e diverse lattine, a prova della facile accessibilità alla struttura.
Il Movimento 5 Stelle di Santa Croce sull’Arno chiede alle amministrazioni ed agli enti di controllo di intervenire al più presto, con la bonifica e la messa in sicurezza della zona. Ricorda alle stesse amministrazioni che il decreto legge n. 22/1997 s.m.i. Ronchi legifera in sostanza: l’obbligo per il Comune di effettuare gli accertamenti necessari per i limiti di contaminazione e nel caso in cui siano superati, l’Amministrazione Comunale è tenuta ad emanare un’ordinanza di messa in sicurezza e bonifica nei confronti dei soggetti che hanno prodotto l’inquinamento. Nel caso in cui i responsabili non rispettino l’ordinanza, è lo stesso Comune che si deve occupare della bonifica e del ripristino ambientale, se nemmeno il Comune provvede dovrà essere la Regione a farsene carico.
La situazione è grave, specialmente per quanto riguarda lo stato di cattiva conservazione delle coperture in eternit, per questo motivo il Movimento 5 Stelle ha inviato un’istanza al Comune di Santa Croce sull’Arno, alla ASL 11, all’A.R.PA.T., affinché si intervenga immediatamente per la bonifica e per la messa in sicurezza dell’intera area.
Il mostro dell’ex Gozzini sta solo apparentemente dormendo, in realtà è già fonte di grave pericolo per l’ambiente e soprattutto, per la salute dei cittadini.

  

Commenti are "5 commenti" su questo articolo:

  1. Sibilla scrive:

    Il rifacimento del comune o della piazza possono aspettare ,la messa in sicurezza del Gozzini no!

  2. giulio scrive:

    Il comune di santa croce deve svegliassi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. Marco scrive:

    Evvaiiiii! Ora cominciamo a fare sul serio!

  4. sara scrive:

    Ciao! Vorrei solo dire un grazie enorme per le informazioni che avete condiviso in questo blog! Di sicuro’ diverro’ un vostro fa accanito!

  5. web design scrive:

    Questo e’ il blog giusto per tutti coloro che vogliono capire qualcosa su questo argomento. Trovo quasi difficile discutere con te (cosa che io in realta’ vorrei… haha). Avete sicuramente dato nuova vita a un tema di cui si e’ parlato per anni. Grandi cose, semplicemente fantastico!

Commenta questo articolo:







Newsletter

Loading...Loading...


Il MoVimento 5 Stelle è completamente autofinanziato dai suoi sostenitori
Scarica il programma del Movimento 5 Stelle

RSS Beppe Grillo Post

  • La mafia ha vinto grazie a Renzusconi #GrassoDimettiti 29 agosto 2014
    Lo storico intervento di Giarrusso in Senato contro la mafia03:15googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Renzi e Berlusconi cancellano il voto di scambio politico mafioso. Secondo la cassazione, in base alla nuova formulazione del 416ter, voluta da Renzi e Berlusconi e da noi ferocemente avversata,
  • #MarinoDacceErCircoMassimo @ignaziomarino 29 agosto 2014
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); Copia e incolla il testo seguente e invia la tua mail al sindaco Marino (sindaco@comune.roma.it), oppure scrivilo sulla sua pagina Facebook o sul suo profilo Twitter se vuoi partecipare a #Italia5Stelle a ottobre al Circo Massimo "Gentile sindaco Marino, sono
  • Renzie: 1000 per 1000 quanto fa? 29 agosto 2014
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); I dati sulla disoccupazione dicono che nell'era Renzie perdiamo 1000 posti di lavoro al giorno. Renzie ha bisogno di 1000 giorni per cavare un ragno dal buco, parole sue. Quindi, se la matematica non è un'opinione, tra 1000 giorni avremo 1.000.000 di diso
  • L'Italia nel baratro della deflazione e della disoccupazione 29 agosto 2014
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Italia in deflazione. Nel mese di agosto 2014, secondo le stime preliminari, l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività, al lordo dei tabacchi, aumenta dello 0,2% rispetto al mese precedente e diminuisce dello 0,1% nei confro
  • Il gelataio #Renzicongelato 29 agosto 2014
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Solo pochi mesi fa, i leader della zona euro hanno creduto che, avendo calmato la tempesta, si fossero salvati giusto in tempo. Incoraggiati dalla promessa di Mario Draghi, il presidente della Banca centrale europea, di fare "tutto il possibile" per