Home » Ambiente »In Evidenza » Articolo:

ex Gozzini : Il Mostro Dormiente – Un disastro ecologico annunciato

federico maggio 6, 2013 Ambiente, In Evidenza 5 Comments

ex gozzini santa croce amianto

Le Officine Gozzini Emilio & Figli nascono nel 1906 a Santa Croce sull’Arno, l’azienda fu fondata da Emilio Gozzini che svolgeva attività di falegnameria nella sua bottega, con il passare degli anni nascono i primi bottali e, con il boom economico e lo sviluppo dell’attività conciaria, soprattutto nella zona del cuoio, Officine Gozzini diventa la seconda azienda toscana, dopo solo alla Piaggio, un vanto per S. Croce!

La bella favola finisce negli anni ’90, complice un disgraziato avvicendamento dirigenziale. Si susseguono licenziamenti, vertenze sindacali…si arriva al fallimento. Da qui in poi inizia l’incubo.
La struttura si estende, infatti, per una superficie di 35.000 mq., dove trovano collocamento 19.000 mq tra capannoni, laboratori, fonderie e altri locali adibiti alla lavorazione industriale e sono proprio le coperture di questi locali a far tremare i cittadini santacrocesi: l’ottanta per cento di esse, corrispondente a circa 12.000 mq è costituito da onduline in cemento-amianto, meglio noto come “ETERNIT”.
L’area ex Gozzini è un mostro che dorme!
L’amianto è stato messo al bando dal 1992 per la sua alta pericolosità, nonostante questo non esiste una normativa che obblighi alla rimozione delle coperture in eternit quando integre e ben conservate, condizione che non è presente nel caso delle ex Officine Gozzini.
I principali fattori per valutare la pericolosità delle coperture in cemento-amianto sono:

  • Friabilità del materiale
  • Affioramento di fibre e presenza di licheni, sfaldamenti, crepe o rotture
  • Presenza di materiale friabile in corrispondenza di scoli di acqua o grondaie

In questo caso sono presenti tutti questi fattori di rischio che sono visibili ad occhio nudo, come ci documentano delle foto inviateci da alcuni cittadini, preoccupati della grave situazione di pericolo.
Oltre all’amianto, fa paura lo stato di degrado in cui versa la zona, facilmente accessibile da chiunque voglia entrarci. All’interno si possono trovare vecchi macchinari in disuso, strutture pericolanti, invasi pieni di acqua e rifiuti di ogni genere, tra cui materassi e diverse lattine, a prova della facile accessibilità alla struttura.
Il Movimento 5 Stelle di Santa Croce sull’Arno chiede alle amministrazioni ed agli enti di controllo di intervenire al più presto, con la bonifica e la messa in sicurezza della zona. Ricorda alle stesse amministrazioni che il decreto legge n. 22/1997 s.m.i. Ronchi legifera in sostanza: l’obbligo per il Comune di effettuare gli accertamenti necessari per i limiti di contaminazione e nel caso in cui siano superati, l’Amministrazione Comunale è tenuta ad emanare un’ordinanza di messa in sicurezza e bonifica nei confronti dei soggetti che hanno prodotto l’inquinamento. Nel caso in cui i responsabili non rispettino l’ordinanza, è lo stesso Comune che si deve occupare della bonifica e del ripristino ambientale, se nemmeno il Comune provvede dovrà essere la Regione a farsene carico.
La situazione è grave, specialmente per quanto riguarda lo stato di cattiva conservazione delle coperture in eternit, per questo motivo il Movimento 5 Stelle ha inviato un’istanza al Comune di Santa Croce sull’Arno, alla ASL 11, all’A.R.PA.T., affinché si intervenga immediatamente per la bonifica e per la messa in sicurezza dell’intera area.
Il mostro dell’ex Gozzini sta solo apparentemente dormendo, in realtà è già fonte di grave pericolo per l’ambiente e soprattutto, per la salute dei cittadini.

  

Commenti are "5 commenti" su questo articolo:

  1. Sibilla scrive:

    Il rifacimento del comune o della piazza possono aspettare ,la messa in sicurezza del Gozzini no!

  2. giulio scrive:

    Il comune di santa croce deve svegliassi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. Marco scrive:

    Evvaiiiii! Ora cominciamo a fare sul serio!

  4. sara scrive:

    Ciao! Vorrei solo dire un grazie enorme per le informazioni che avete condiviso in questo blog! Di sicuro’ diverro’ un vostro fa accanito!

  5. web design scrive:

    Questo e’ il blog giusto per tutti coloro che vogliono capire qualcosa su questo argomento. Trovo quasi difficile discutere con te (cosa che io in realta’ vorrei… haha). Avete sicuramente dato nuova vita a un tema di cui si e’ parlato per anni. Grandi cose, semplicemente fantastico!

Commenta questo articolo:







Newsletter

Loading...Loading...


Il MoVimento 5 Stelle è completamente autofinanziato dai suoi sostenitori
Scarica il programma del Movimento 5 Stelle

RSS Beppe Grillo Post

  • La Repubblica fondata sulla trattativa Stato - mafia, di Petra Reski 20 dicembre 2014
    L'intervista esclusiva05:00googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); Intervista esclusiva alla giornalista e scrittrice tedesca Petra Reski che ci parla di Mafia. La Reski fa nomi e cognomi come quello di Marcello Dell’Utri. Durissimo l’attacco della giornalista contro il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Una profonda riflessione sulla percezione del fenomeno Mafia fuori dai confini italiani. I tedeschi, […]
  • Dittatura con la vaselina #governovaselina 20 dicembre 2014
    Vacciano, portavoce M5S, in Senato: ''La fiducia su Topolino"03:00googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); Votare di notte come i ladri con un presidente del Senato senza dignità un testo con parti addirittura mancanti. Ieri notte e' andata in onda l'ennesima pagliacciata di una repubblica in mano a golpisti e tangentari. Il parlamento va sciolto e bisogna andare […]
  • #PolettiDimettiti subito! 20 dicembre 2014
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Non sono solo foto, quelle in cui il braccio imprenditoriale della mafia capitale, Salvatore Buzzi, viene ritratto insieme al ministro del Lavoro, Giuliano Poletti. C'è un appalto. La cooperativa di Buzzi, al centro dello scandalo romano, si occupa delle pulizie del ministero di Poletti. Cinque mesi fa è subentrata a un'altra […]
  • L'Umbria preda delle mafie, Alfano che fa? 20 dicembre 2014
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Altro che isola felice. L'Umbria è ormai preda delle mafie, 'ndrangheta e camorra in testa, che trovano nella Regione terreno fertile per riciclare i proventi criminali in immobili e attività economiche fiorenti, a partire dalla green economy. Lo abbiamo denunciato con Tiziana Ciprini attraverso un'interpellanza urgente sulla materia al ministro dell'Interno […]
  • Un giorno li dimenticherete tutti 20 dicembre 2014
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Un giorno li dimenticherete tutti: la faccia di cazzo di matteo, la voce da piatto rotto della laura, gli occhioni sgranati e fessi di maria elena, il cazzo moscio di silvione, la pronuncia da borgatara della marianna, le lacrime da coccodrillo della elsa, la faccia di cartone di mario, le esternazioni […]