Home » Libera Informazione » Ultimi articoli:

Carpooling: dal 2010 condivisi 64milioni di Chilometri

danpertici marzo 30, 2013 Notizie dal mondo, Trasporti No Comments

carpoolE’ cresciuta la sensibilità degli italiani verso forme più sostenibili di trasporto. Complici la crisi e il caro carburante, cresce, infatti, il numero di connazionali che sceglie la formula dell’auto di gruppo per spostamenti di media e lunga percorrenza.
Secondo i dati di carpooling.it, dal lancio del servizio nel 2010, in Italia sono stati condivisi 64 milioni di kilometri, con un risparmio di 3,5 milioni di litri di carburante e 7.000 tonnellate di CO2. Un bilancio positivo che attesta lo sviluppo del carpooling anche nel nostro Paese e ci colloca, a livello europeo, al terzo posto dopo Germania e Francia.

In base ai dati forniti da carpooling.it, chi sceglie questo modo di viaggiare è nel 68,5% dei casi di sesso maschile, anche se le donne sono in crescita al punto che tra qualche anno potrebbe essere raggiunta la media europea che vede queste ultime percentualmente in testa rispetto ai “maschietti”: 53% contro il 47%. L’età di chi viaggia? Bassa ma non bassissima, visto che solitamente varia tra i 25 e i 34 anni anche se fra i 4,3 milioni di utenti registrati in tutta Europa si trovano anche ventenni o sessantenni.

Fonte: ComuniVirtuosi.org

  

Green jobs: 4000 posti di lavoro in Irlanda grazie a risparmio energetico

danpertici marzo 24, 2013 Ambiente, Energia, Notizie dal mondo, Sviluppo No Comments

green_job4.000 posti di lavoro nel settore dei servizi delle costruzioni e dell’energia e 35 milioni di risparmio energetico nel 2012 in Irlanda. Sono questi i numeri del bilancio di un anno dell’Agenda Energetica Sostenibile, pubblicata dalla Sustainable Energy Authority of Ireland (SEAI), società cofinanziata dall’Europa e dal Governo Irlandese.

Nel 2012 SEAI ha erogato oltre 70.000.000 € attraverso programmi di sostegno e ha calcolato che ogni euro speso dal Governo attraverso i suoi programmi per l’energia ha fruttato ben 2,50€ di finanziamenti abbinati. Inoltre, sono stati finanziati più di 100 progetti di efficienza energetica nelle imprese e nelle organizzazioni del settore pubblico, che hanno notevolmente ridotto l’energia consumata. Gli 11.000.000€ spesi dal governo nel 2012, insieme con i 34.000.000€ di finanziamento corrispondente, faranno risparmiare circa 11.000.000€ all’anno, restituendo il capitale investito dallo Stato in appena un anno.

L’energia sostenibile è di vitale importanza per la ripresa economica dell’Irlanda e la creazione di posti di lavoro. Azioni come gliaggiornamenti energetici domestici e aziendali per il risparmio dei consumi energetici stanno già dimostrando come si possono abbassare i costi e creare posti di lavoro creati. Allo stesso tempo, l’Irlanda sta sfruttando la sua grande risorsa naturale, le energie rinnovabili, e quindi riducendo drasticamente le importazioni di combustibili fossili“, spiega Brian Motherway, amministratore delegato di SEAI.

Ciò che è stato raggiunto oggi dimostra che tutto ciò è possibile, ma è solo l’inizio, continua l’A.D.: “il 2013 sarà un anno di ulteriore crescita in tutti i settori. Noi sosterremo tutte le case e le imprese che vogliono ridurre le bollette energetiche. offriremo finanziamenti alle comunità per incoraggiare le azioni di sostenibilità locali, che creano occupazione. E dobbiamo fare in modo che si continui a sviluppare l’eolico e le altre tecnologie rinnovabili. Il lavoro SEAI è quello di incoraggiare azioni reali e significative per creare posti di lavoro, ridurre i costi energetici e sviluppare in Irlanda il settore in rapida crescita dell’energia sostenibile“.

Fonte: greenbiz.it

  

Riduzione del rischio idraulico: passi avanti per il torrente Egola

danpertici marzo 8, 2013 Ambiente, Notizie locali No Comments

2010_05_13_11_18_51E’ un piccolo corso d’acqua lungo poco più di 30 chilometri, affluente di sinistra del fiume Arno, ma quando il torrente Egola va in piena, come avvenuto lo scorso novembre, desta apprensione nella cittadinanza, visto che attraversa un territorio che è stato antropizzato anche senza tener conto delle esigenze del torrente stesso. Quindi per forza di cose è necessario ora ricorrere ai ripari. Per ridurre il rischio idraulico nel bacino del torrente Egola è stato predisposto un Accordo di programma  sottoscritto da Regione Toscana, Autorità di Bacino del Fiume Arno, Unione dei comuni del Circondario Empolese Valdelsa, provincia di Pisa, comune di Castelfiorentino, comune di Montaione, comune di San Miniato, Consorzio di Bonifica della Val d’Era, che prevede una serie di interventi da effettuarsi in vari step. Nei prossimi 24 mesi saranno realizzati innanzitutto gli interventi che riguardano la manutenzione su tratti del torrente Egola, il ponte in località Ponte a Egola e il completamento degli argini di Corazzano. Un sistema di opere per complessivi 1 milione e 138mila euro, cifra alla quale concorrono tutti i soggetti firmatari dell’accordo,  il primo tra l’altro siglato in Toscana con firma digitale.

«Con questo accordo si aggiunge un altro tassello al mosaico sempre più complesso ma necessario per la riduzione del rischio idraulico nel nostro territorio, tema centrale nelle politiche dell’amministrazione regionale»  ha dichiarato l’assessore all’ambiente e all’energia Anna Rita Bramerini (Nella foto). Nel documento condiviso viene stabilito anche che vengano individuate e realizzate ulteriori opere per la riduzione del rischio idraulico in modo da utilizzare nel modo più efficace le risorse rimaste disponibili, pari a 865mila euro, sull’importo complessivo iniziale messo a disposizione dagli enti, pari a 2 milioni e 700mila euro (la Regione ha contribuito con 500mila euro) che ha dato il via ai lavori nel 1998 con la modifica della cassa di espansione in località La Serra, la ricalibratura di alcune sezioni dell’Egola, i rilievi planaltimetrici e lo studio idrogeologico.

Fonte: Greenreport.it

  

Quando la spesa locale batte il centro commerciale

danpertici marzo 4, 2013 Notizie dal mondo, Sviluppo No Comments

cartoleria_vanessaCentri commerciali semivuoti. Negozi cittadini rinati dal flusso continuo di clienti. Qualità della vita di un piccolo paese che migliora grazie alle scelte d’acquisto consapevole degli abitanti e a un Comune virtuoso che trasforma in welfare l’impegno economico delle famiglie del territorio. Se il primo scenario è destinato a rimanere nella sfera della fantasia (le ‘nuove cattedrali’ sono comunque piene, anche in giorni di apertura festiva), i tre successivi si potrebbero verificare davvero a Gorla Maggiore, 5mila anime in provincia di Varese: qui 800 persone (quindi 800 famiglie sulle 2mila totali) girano per le vie del paese con VALORE in COMUNE, una tessera passepartout che ti permette di accumulare punti per ogni tuo acquisto cittadino, da tramutare poi in sconti. Un punto ogni euro speso più altri punti a seconda delle promozioni dei singoli commercianti, che a oggi sono 18 e c’è un po’ di tutto: merceria, abbigliamenti, alimentari, parrucchieri, fioristi, all’interno di un circuito di commercianti locali che nel dicembre 2012 ha lanciato l’iniziativa e, due mesi dopo, ammette di non aver previsto una tale adesione iniziale, un ottimo segno per rendere sempre più efficace l’iniziativa.
Le previsioni parlano del raggiungimento a breve di quota mille tessere, quasi il 50% delle famiglie di Gorla e, soprattutto, dell’85% di persone che sta usando la tessere con continuità.

Patrocinata dal Comune di Gorla Maggiore, senza oneri per le casse pubbliche, e strutturata in modo tale che i commercianti contribuiscono all’implementazione di Valore in Comune (che ha come slogan ‘Rivitalizza la tua comunità’) con una percentuale sui punti erogati, l’esperienza in atto sta dando vita a un cambio notevole degli  equilibri socio-economici della cittadina del varesotto: “molti commercianti si uniscono fra loro per attuare iniziative congiunte, e la stessa amministrazione comunale sta entrando sempre più in gioco: oltre a permettere a dare supporto ai commercianti (ad esempio offrendo sale riunioni e consentendo  di esporre manifesti dell’iniziativa senza costi aggiuntivi), ultimamente sta pianificando delle convenzioni per tramutare i punti accumulati in sconti sui servizi sociali (ad esempio la mensa scolastica) in una sorta di welfare autogestito dove ognuno contribuisce ad aumentare il benessere delle proprie famiglie e dei concittadini.

Il valore sociale dell’iniziativa si sta rivelando notevole, tanto che si stanno interessando altri Comuni e Camere di commercio della zona. Con un unico concetto di fondo, netto quanto a volte difficile da declinare: la ricaduta locale è quel che più conta: acquistando in paese, i soldi che spendi rimangono lì e non vanno altrove, come invece accade quando compri in una grande catena. Il tutto viene tradotto in aumento di lavoro sul territorio, più forniture, e le tasse vanno a beneficio dell’amministrazione che le usa per migliorare i servizi: un circolo virtuoso che può fronteggiare con successo la crisi e che gli abitanti di Gorla Maggiore lo stanno vivendo in prima persona. Il sito ufficiale dell’iniziativa (dal quale, tra le varie funzioni, si possono consultare i punti accumulati o gli esercenti che aderiscono) va in questa direzione: punto per punto, si trovano tutte le risposte al perché spendere ‘locale’ sia la soluzione migliore.

- See more at: http://www.vita.it/welfare/social-innovation/quando-la-spesa-locale-batte-il-centro-commerciale.html#sthash.sA1upn4p.dpuf

Fonte: Vita.it

  

AAA: Rappresentanti di lista cercansi!

Gabriele febbraio 6, 2013 politica News 2 Comments

primarie-online-per-il-movimento5stelle-polem-L-dcniPE
Aiutaci a controllare le operazioni di voto e gli scrutini!

Servono almeno 4000 persone per controllare tutte le sezioni della circoscrizione Toscana. Se sei iscritto alle liste elettorali nella circoscrizione Toscana registra la tua disponibilità all’indirizzo:

http://elezioni.toscana5stelle.it

Verrai contattato per organizzare la formazione e le procedure amministrative necessarie.

Per maggiori informazioni invia un messaggio a controlloelezioni@toscana5stelle.it

  

Gli abusivi

Daniele B. gennaio 31, 2013 In Evidenza, politica News, Senza categoria No Comments

manifesto completo 03 copia

A poco meno di un mese dalle Elezioni, con gli spazi per la propaganda elettorale ancora tutti da assegnare, a San Miniato è già iniziata la corsa all’affissione abusiva. Partecipano i partiti più disparati: dal Partito Democratico a Rivoluzione Civile, da Sinistra Ecologia e Libertà a Rifondazione Comunista.

Forse non tutti lo sanno ma la legge, nei 32 giorni precedenti alle elezioni, vieta l’affissione di qualsiasi materiale di propaganda elettorale fuori dagli appositi spazi stabiliti dalle autorità comunali. Ad oggi il nostro comune, in attesa delle disposizioni ministeriali, non ha ancora assegnato nessuno spazio ma c’è chi già approfitta di plance e bacheche sparse per il territorio comunale in barba ad una corretta campagna elettorale.

Ma chi paga questi manifesti abusivi? Ovviamente tutti noi! Solo il MoVimento 5 Stelle infatti, a differenza di tutte le altre forze politiche, rinuncia a milioni e milioni di rimborsi elettorali preferendo finanziare le proprie iniziative solo attraverso libere donazioni dei cittadini.

Resta da chiedersi come certe forze politiche violino le regole e la legge con tanta nonchalance e poi abbiano la faccia tosta di ostentare promesse sulla gestione della cosa pubblica. C’è bisogno di aria nuova. Mandiamoli tutti a casa.

  

Arriva a Pisa il megastore dei prodotti a km zero

danpertici gennaio 24, 2013 Ambiente, Energia, Notizie locali, Sviluppo No Comments

ScreenHunter_12 Jan. 24 13.42Il pane a km zero realizzato con farine derivanti da lavorazioni a basso impatto ambientale, la mozzarella e lo yogurt prodotti con il latte bovino dell’azienda agricola dell’Università di Pisa, la pasta “fresca” dei coltivatori toscani e persino l’acqua (naturale e minerale) certificata: sono alcuni dei prodotti “chiave” del progetto multi-filiera che coinvolgerà una sessantina di aziende agricole della Provincia di Pisa, Livorno, Siena e Firenze che conferiranno non solo materie prime, ma anche prodotti semi-lavorati se non addirittura finiti.

Continua a leggere su LaNazione.it/Pisa

  

Decrescita e produttività

danpertici gennaio 24, 2013 Energia, Notizie dal mondo, Sviluppo No Comments

decrescitaLa gran parte delle innovazioni tecnologiche di processo sono finalizzate ad aumentare la produttività, ed una delle principali contestazioni che vengono a chi perora le ragioni della decrescita e della depilazione sono collegate con la falsa idea che queste porterebbero ad una minore produttività.

In realtà invece scopo ultimo della decrescita e della depilazione è l’ulteriore aumento della produttività che è un ottimo modo per migliorare le condizioni di vita dell’uomo. Quello che cambia è il fine per cui la produttività deve aumentare. Chi crede nella crescita ritiene che gli aumenti di produttività debbano essere utilizzati per fare più cose con le stesse risorse. Chi crede nella decrescita ritiene che gli aumenti di produttività debbano essere utilizzati per fare le stesse cose con meno risorse.

Il fatto è che da sempre tutti gli esseri viventi cercano di aumentare la propria produttività: questo comportamento è naturale, è l’essenza stessa del processo evolutivo. I ragni, ad esempio, hanno sviluppato la capacità di tessere le reti per catturare con minor sforzo una quantità (ed una qualità) maggiore di prede. Raggiunta la capacità di produzione (quantità di prede catturate al numeratore) adeguata ai propri bisogni -cioè alle sue necessità alimentari- ha perfezionato le tecniche che gli consentono di ridurre le risorse impegnate (tempo e saliva, al denominatore, da dedicare alla tessitura, ed alle riparazioni della rete) cercando di migliorare anche la qualità delle prede, specializzandosi nella scelta della posizione della rete per catturare quelle più di suo gusto. Fatto questo i ragni dedicano la gran parte del loro tempo ad attendere le prede in un sano ozio che, se fossero dotati di intelletto, utilizzerebbero per leggere un libro o, al più, per scambiarsi con altri ragni le idee migliori per ridurre ancora maggiormente le risorse da utilizzare.

L’unica specie che ha usato la sua capacità di aumentare la produttività per aumentare a dismisura la produzione (peraltro solo da un paio di centinaia di anni a questa parte) è quella umana. Ciò è innaturale (nel senso che in natura non esiste un analogo esempio, e noi umani siamo pur parte della natura, non dobbiamo scordarcene). Questo comportamento, indotto dall’insana cultura consumistica che ha caratterizzato l’umanità da quando ha avuto energia (risorsa fondamentale in tutti i processi produttivi, anche quelli dei ragni) a bassissimo costo, sta portando il sistema (socio, ecologico ed anche -finalmente- economico) al collasso.

L’innovazione tecnologica del futuro quindi deve essere finalizzata alla riduzione degli sprechi ed all’aumento dell’efficienza e della produttività, ma solo a condizione che tutto ciò serva per fare “meglio con meno” e non “sempre di più” (spesso anche con qualità che peggiora).

Questo significa veramente aumentare la produttività. Il comportamento attuale del sistema (quello che usa la produttività per fare sempre di più) è invece finalizzato all’aumento della “redditività”.
Tutto questo è spiegato efficacemente in questa presentazione (denominata I CICLI) utilizzata spesso negli incontri da Nello De Padova.

Fonte: Decrescitafelice.it

  

Consumo consapevole, quanto i nostri acquisti danneggiano l’ambiente

danpertici gennaio 8, 2013 Ambiente, Energia, Notizie dal mondo, Sviluppo No Comments

oroeco-interna-nuovaIl virtuosismo degli acquisti a chilometro zero e a basso impatto ambientale possono trasformarsi in una sana competizione virtuosa? Per i fondatori del progetto Oroeco sembra di sì e per questo motivo hanno posto tutte le basi per creare una grande rete di acquisto consapevole. Se “The Enough Project” ha stilato la classifica delle aziende che non usano materie prime insanguinate,frutto di scontri e guerre civili per il controllo delle miniere, in questo caso sotto la lente è finito l’impatto che ogni singolo acquisto può avere sull’ambiente. “Oroeco si fonda sulla premessa che dovrebbe essere facile, divertente e gratificante poter tener traccia dei nostri acquisti quotidiani, degli investimenti, dello stile di vita in base ai nostri valori fondamentali – raccontano i giovani del team Oroeco – Abbiamo iniziato come un gruppo di amici, frustrati dalla mancanza di informazioni che ci potessero aiutare ad ottenere piccoli miglioramenti a partire da grandi decisioni. Non volevamo essere attivisti o volontari a tempo pieno per una causa, volevamo solo poter migliorare le nostre vite attraverso i nostri acquisti e lo stile di vita assunto. E abbiamo voluto trovare un modo divertente per convincere i nostri amici, la famiglia, le grandi aziende a fare lo stesso”.

Il progetto nasce negli Stati Uniti grazie alla collaborazione di ricercatori del Mit, di Stanford e diBerkeley e poggia le sue basi sulla massima che “ogni singolo dollaro speso, può avere effetti positivi o negativi sull’ambiente”. Basandosi sui dati raccolti, l’utente che utilizzerà Oroeco potrà in qualche modo conoscere quanto il suo acquisto contribuisce all’inquinamento del pianeta. In un’economia globale che ci permette ogni giorno di acquistare oggetti provenienti da fabbriche sparse in tutto il mondo, a sua volta costruiti con materie prime che sono state raccolte e trasportate, è difficile riuscire a conoscere il reale impatto che un acquisto ha sull’ambiente. Partendo da questa premessa, l’applicazione cercherà di tracciare passo passo l’impronta lasciata sul pianeta da un determinato oggetto, tenendo conto dell’inquinamento prodotto per estrarre le materie prime, per lavorarle, per trasportarle, per assemblarle e infine per venderle sugli scaffali dei negozi. Un acquisto, piuttosto che un altro, può contribuire in modo consistente al rilascio in atmosfera di agenti inquinanti così come alla progressiva scomparsa di risorse nelle miniere. Oroeco è per ora solo un progetto in fase preliminare che, attraverso il sistema di collette comunitarie su internet, sta cercando i fondi necessari alla pubblicazione di una prima versione beta.

“Le ricadute ambientali condizionano sempre di più i nostri stili di vita”, è il commento di Fabio Dovana, presidente di Legambiente per il Piemonte e la Valle d’Aosta. “Ciò che acquistiamo, mangiamo ma anche come ci spostiamo e come viene prodotta l’energia che utilizziamo. I consumatori, ad esempio, prediligono sempre più i prodotti a filiera corta che spesso coniugano la sicurezza alimentare e la buona qualità ad un costo conveniente e un impatto ambientale più basso. 
Non è facile però destreggiarsi tra le mille offerte e pubblicità che reclamizzano prodotti sostenibili che spesso di sostenibile hanno ben poco. Ben vengano quindi tutti gli strumenti che possono aiutare il consumatore a scegliere consapevolmente ciò che acquistano e lo aiutino a destreggiarsi al di là delle pubblicità che sempre più fanno leva su una più o meno vera attenzione per l’ambiente.
 La tecnologia può dare un grosso aiuto in tutto questo”.

Una campagna molto simile a quella dei principi di Oroeco è condotta in Italia proprio da Legambiente: “Bastano piccoli gesti per risparmiare nel tempo chili e chili di anidride carbonica. – continua Dovana – Ad esempio spegnendo gli stand-by degli elettrodomestici di casa si possono risparmiare circa 150 kg di CO2 in un anno, con un guadagno anche per il portafogli di circa 60 euro. Usando abitualmente una brocca per l’acqua del rubinetto si risparmiano 24 kg di CO2 in un anno e 11 kg di plastica. Una famiglia di tre persone che beve solo acqua del rubinetto risparmia circa 280 euro all’anno”. Con l’obiettivo di abituare gli italiani ad una serie di buone abitudini in sintonia con l’ambiente è nata la comunità virtuale Stop The Fever rivolta a singoli cittadini, imprese, pubblica amministrazione e scuole. Il presidente di Legambiente per il Piemonte e la Valle d’Aosta spiega così il progetto tutto italiano: “Un luogo virtuale dove far vivere una città costruita sugli impegni per il clima di ognuno di noi. Una città dove poter essere attori concreti del cambiamento e misurare quanto le nostre scelte possono fare bene all’ambiente.
 Benefici per l’ambiente, per le nostre tasche e per la nostra salute: non ci sono scuse per cambiare abitudini da subito e diventare cittadini responsabili”.

Fonte: ilFattoquotidiano.it

  

I 10 eco-buoni propositi per un 2013 davvero green

danpertici gennaio 3, 2013 Ambiente, Energia, Notizie dal mondo, Sviluppo No Comments

buoni_propositi_nuovo_anno
Essere green significa innanzitutto impegnarsi quotidianamente. Sono le buone pratiche giornaliere che ci consentono di costruire uno stile di vita eco-sostenibile: e se proprio non sapete da dove cominciare ecco qualche piccolo consiglio per un anno dalle tinte più verdi.

Così dopo avervi fornito qualche dritta per essere green da gennaio a dicembre, ecco 10 buoni propositi che anche se ne riuscissimo a mettere in pratica la metà, renderebbero il nostro 2013 più propizio sia per noi che per l’ambiente che ci circonda.

1. Meno carne, piu’  verdure 

Diminuite il consumo di carne o meglio diventate vegetariani: questa scelta porterebbe a un’assunzione minore di proteine animali con un grosso giovamento per la salute ma anche per l’ambiente, in quanto l’industria del bestiame è una delle maggiori cause di inquinamento. Essere vegetariano è una “filosofia di vita” che può durare nel tempo o anche solo per una fase della vita. E se poi proprio non riuscite a rinunciare alla carne, potete decidere di diminuirne il consumo a vantaggio delle verdure che come è risaputo contrastano l’insorgere di varie forme tumorali.

2. Scegliete prodotti a Km 0

Prediligete i prodotti locali. Preferite il cibo a chilometri 0, l’ambiente vi ringrazierà in quanto ridurre gli spostamenti del cibo porta anche a una riduzione dell’emissione di anidride carbonica. Inoltre, qualunque sia la vostra dieta cercate di mangiare cibi di stagione. Sono maggiormente reperibili e meno costosi.

Per abbattere i costi potete rivolgervi ai GAS, i Gruppi di Acquisto Solidale. Questi gruppi si organizzano per fare una spesa “collettiva” e permettono a chi vi aderisce di mangiare prodotti genuini, dal minimo impatto ambientale, locali e di stagione. Con un giovamento per l’ambiente, la salute, il gusto e non ultimo il portafogli.

3. L’orto e’ bello

Fatevi l’orto. Molti sognano un angolo verde, distende i nervi e vi permette di mangiare realmente biologico: niente pesticidi o agenti chimici. Un passatempo decisamente green e se non avete spazio non temete su greenMe.it troverete tante idee per coltivale il vostro orto anche in piccoli spazi. Inoltre, potreste cominciare utilizzando dell’ottimo compost…da voi realizzato.

4. Ridurre i consumi 

Consumare meno non significa vivere peggio. Impariamo a ridurre i consumi: questo è un imperativo applicabile al cibo, ai vestiti, agli oggetti di uso comune. A ringraziare non sarà solo il vostro portafogli ma anche l’ambiente. Piccoli gesti quotidiani che spesso si traducono anche in un risparmio sui conti di bollette o altre spese.

5. Occhio agli sprechi

L’acqua è un bene prezioso, una risorsa che è fondamentale tutelare con alcune semplici regole:

  • Installate una doccia a basso flusso o i dispositivi che riducono il flusso dai rubinetti
  • Coltivate solo piante locali che non hanno grandi necessità d’acqua
  • Controllate le guarnizioni dei rubinetti evitando che ci siano perdite d’acqua
  • Preferite la doccia alla vasca da bagno così da risparmiare acqua ed elettricità
  • Chiudete il rubinetto mentre vi lavate i denti
  • Mentre lavate i piatti cercate di non sprecare troppa acqua

Ma attenzione anche agli sprechi alimentari che, solo in Italia è stimato ammontino a ben 1,5 milioni di tonnellate, pari a un valore di mercato di 4 miliardi di euro che finiscono nella pattumiera. E allora cerchiamo di dare il nostro piccolo contributo limitandoli al massimo e riciclando il più possibile gli avanzi con ricette gustose e originali. Basta un po’ di fantasia e voglia di riscoprire vecchie pratiche dimenticate.

6. Risparmiate energia 

Piccoli accorgimenti che a molti possono sembrare superflui permettono di effettuare un notevolerisparmio energetico. In “risparmio energetico in 10 mosse” troverete tanti piccoli consigli per risparmiare fino al 50% di elettricità sulle bollette.
Cose banali come spegnere le luci quando si lascia una stanza o disattivare gli apparecchi elettrici in stand-by può farci risparmiare veramente molto: lasciare ad esempio un televisore in stand-by genera un consumo energetico pari al’80% rispetto a quello prodotto durante l’uso.

7. Fate piu’  moto

Lasciate a casa la macchina e risparmierete sulla benzina. Autobus e biciclette rimangono i mezzi più green in assoluto. Andare a piedi, in bicicletta o con i mezzi pubblici al lavoro consente di risparmiare sul carburante e il parcheggio, migliorando al contempo la salute cardiovascolare e riducendo il rischio di obesità.

8. Riciclate e riusate

Può sembrare superfluo ma vista la continua emergenza rifiuti che viviamo in Italia non è banale l’idea di riciclare e riusare. Su greenMe.it dedichiamo ampi spazi a questi argomenti che possono essere divertenti ed estremamente creativi. Se avete dei bambini potrebbe essere un ottimo laboratorio creativo per loro e servirà ad insegnarli che non sempre i giochi più costosi sono quelli più divertenti e graditi.

9. Animali Green

Se state pensando di adottare un animale domestico cercate di avere un approccio eco-friendly. Se siete orientati per un cane o un gatto, evitate di acquistare l’animale in negozio o in allevamento, ma adottatelo in una delle tantissime strutture presenti sul nostro territorio. Ci sono migliaia di animali di tutte le età e razza che vi aspettano.

10. Piu’ sfuso, meno rifiuti

Infine, non dimentichiamoci che prima di riciclare e riusare sarebbe bene ridurre i rifiuti, a partire dagli imballaggi in plastica o quelli non riciclabili. Ora che nel 2011 abbiamo detto addio alle inquinanti buste di plastica, cerchiamo di farlo anche con le tante confezioni che potrebbero essere eliminate quando andiamo a fare la spesa prediligendo prodotti sfusi o qualche piccola accortezza in più nel reparto frutta e verdura dei supermercati.

Non mi resta che auguravi un felice 2013…e che sia un anno veramente Green!

Lorenzo De Ritis
Fonte: Greenme.it

  
Il MoVimento 5 Stelle è completamente autofinanziato dai suoi sostenitori
Operazione Trasparenza!
Iscriviti alla newsletter!
Scarica il programma del Movimento 5 Stelle

Decoro Urbano

Decoro Urbano - We DU!

RSS Beppe Grillo Post

  • Truman Renzie e il segreto di Stato
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "L'incantatore di ingenui Renzie gode della protezione del Truman Show creato attorno a lui da tv e giornali. Il livello di approssimazione della stampa che ha titolato all'unisono "Renzi toglie il segreto di Stato sulle stragi" è davvero i
  • #RenzieZeroLeggi
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Annunci roboanti, svolte a giorni alterni, una riforma al mese. Milioni di posti di lavoro, rivelazioni di segreti segretissimi, elargizioni di... decine di euro. Ma, in sostanza, zero: zero è il numero delle leggi portate a casa dal governo Renzi. In due mes
  • Enasarco e i soldi delle pensioni giocati alla roulette della finanza
    Basta alle speculazioni!(04:25)googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Contributi versati dai lavoratori per la propria pensione che vengono giocati allegramente alla roulette della finanza speculativa. Una Fondazione come Enasarco che prende i soldi di 250mila iscritti attivi, tra agenti di commer

Flash news dal mondo

Il governo liberalizza il Wi-Fi, Decreto Fare cambiato in extremis

24 lug 2013

free-wi-fi-258

  Vittoria per chi tifava per il Wi-Fi libero, ma libero davvero.  In Commissione Bilancio alla Camera è riuscito il blitz per modificare l’articolo 10 del Decreto del Fare: ora sono caduti tutti gli obblighi per esercenti, negozi, ristoranti che offrono il Wi-Fi al pubblico. Liberalizzazione, quindi, “quando l’offerta di …

Più alberi in Italia ma le città restano camere a gas per lo smog: i dati ambientali ISPRA

22 lug 2013

ispra2-620x350

ISPRA fotografa nell’Annuario dei Dati Ambientali la situazione dell’ambiente nel nostro Paese e ciò che emerge è una situazione in bianco e nero. Il rapporto è organizzato in diversi capitoli tra cui “Tematiche in primo piano”, “Tematiche in primo piano light”, “Annuario in cifre”, “Database”, “Multimediale” e “Fumetto”, destinato a un …

Flash news locali

Rischio contaminazione amianto alle “Case minime” di Isola

17 dic 2013

amianto

Il M5S di San Miniato a seguito di una segnalazione pervenuta da parte di un gruppo di cittadini residenti nella Frazione di Isola, ha effettuato nei giorni scorsi un sopralluogo presso un complesso edilizio tenuto in stato di abbandonato prospiciente l’asilo nido “Lucignolo” di Isola (già segnalato nel mese di ottobre dal consigliere PDL …

Commenti recenti

  • moduli fotovoltaici: Speriamo che la Centrale dia sempre risultati positivi....
  • Stefano Benelli: Quello del traffico nei centri storici e' un tema comune a m...
  • Daniele Bocini: Nella riflessione mi piaceva vederci qualcosa di buono, ovve...
  • Maico: Ma il titolo non doveva essere: Piccoli passi di allontaname...
  • Daniele B.: Ciao Marco, con il bel risultato delle elezioni stiamo trov...
  • marco bagnoli: Vorrei poter darvi un aiuto, era dal 2001 che non andavo a ...
  • anna: Un consiglio: utilizzare i vasi Vipot realizzati in lolla di...