Home » Libera Informazione » Ultimi articoli:

Rischio contaminazione amianto alle “Case minime” di Isola

amiantoIl M5S di San Miniato a seguito di una segnalazione pervenuta da parte di un gruppo di cittadini residenti nella Frazione di Isola, ha effettuato nei giorni scorsi un sopralluogo presso un complesso edilizio tenuto in stato di abbandonato prospiciente l’asilo nido “Lucignolo” di Isola (già segnalato nel mese di ottobre dal consigliere PDL Ferraro e dal movimento d’informazione indipendente NuovaIdea San Miniato).

La struttura, ben nota come “case minime” venne edificata per dare alloggi di urgenza a seguito dell’alluvione del 1966. Gli immobili di proprietà del Comune di San Miniato fino al 2007 furono ceduti poi a titolo oneroso alla società San Miniato Gestioni s.r.l. la quale ne è tutt’ora proprietaria.

I cittadini che ci hanno contattato sono sfiancati dall’indifferenza dell’Amministrazione comunale alla quale già in passato si erano rivolti senza ottenere niente. Gli stessi ci hanno riferito delle loro enormi preoccupazioni derivanti sia dallo stato generale di degrado urbanistico in cui versa l’area, ma soprattutto dai materiali con cui risulterebbe costruito l’intero complesso immobiliare: materiali contenenti cemento-amianto “Eternit”. Tali preoccupazioni sono ancor più aggravate dal fatto che queste fronteggiano l’asilo nido di Isola.

Dal sopralluogo che abbiamo effettuato è emerso che le coperture del fabbricato, per circa 350 mq, risultano essere in onduline di “Eternit”, ma anche le stesse pareti divisorie interne potrebbero essere costituite con elevata probabilità da pannelli compositi contenenti fibre di amianto.

Come sappiamo non esiste ancora una normativa che obblighi alla rimozione delle coperture in fibrocemento, quando integro e ben conservato, ma se lo stato di conservazione del materiale non è buono, possono essere presenti rischi enormi per la salute umana. Gli effetti neoplastici dell’esposizione all’amianto sono stati oramai accertati per varie tipologie di cancro polmonare, ed alla laringe, queste tipologie di tumori provocano nella maggioranza dei casi la morte.

In sede di sopralluogo abbiamo effettuato un esame, in applicazione del protocollo ARPAT, per verificare lo stato di conservazione delle coperture in “Eternit” e abbiamo scoperto che le onduline in “Eternit”, usate sia per tutte le coperture che per tratti di recinzione, risultano in uno stato di degrado tale da evidenziare un probabile superamento delle concentrazioni soglia di contaminazione. Il superamento dei valori di concentrazione soglia di contaminazione risulta inoltre corroborata dall’ applicazione della “scheda di valutazione” della Regione Toscana che stabilisce e fissa come valore 55, l’Indice di Valutazione delle coperture esterne in cemento amianto, oltre al quale le stesse devono essere sottoposte a rimozione urgente. Bene, anzi male malissimo, nel nostro caso facendo analizzare da un tecnico, per le coperture in oggetto è stato stimato un valore di 80, più alto del 40% del livello massimo previsto dalla stessa Regione Toscana.

Alla luce delle considerazioni di cui sopra, è evidente che i residenti delle abitazioni poste nelle immediate vicinanze del complesso edilizio in oggetto, ma soprattutto i bambini che frequentano l’asilo nido “Lucignolo” di Isola, sono chiaramente sottoposti, giornalmente al rischio di inalare le fibre di amianto, rilasciate dalle coperture deteriorate. 

A questo punto però la cosa che ci lascia basiti è che l’amministrazione comunale di San Miniato sa e sapeva della situazione e nulla sembra abbia fatto! Infatti un gruppo di residenti nel lontano 2002 denunciando le loro preoccupazioni al Comune di San Miniato, ottennero l’intervento dell’USL 11 il quale a seguito di un sopralluogo effettuato in data 4/03/2002 comunicò alla stessa amministrazione

“Si ritiene, pertanto opportuno, considerate anche l’ubicazione delle coperture prospicienti le finestre delle case limitrofe, e l’estensione non piccola della superficie, di prendere in considerazione, a medio termine, la sostituzione della copertura stessa. Nel frattempo codesto Comune dovrà provvedere a redigere un “programma di manutenzione e controllo”

Tutto ciò considerato, il M5S di San Miniato esige che l’amministrazione comunale disponga immediatamente la bonifica del sito eventualmente chiamando in causa anche l’attuale proprietà. Ci chiediamo inoltre perché la stessa amministrazione non procedette a “medio termine” alla sostituzione delle coperture, già gravemente pericolose, come indicato nel verbale dell’USL 11 del marzo 2002. La stessa amministrazione dovrà spiegare anche se ha redatto o meno, in questi 11 anni, il “programma di manutenzione e controllo” e come sia stato possibile effettuare nel 2007 il trasferimento immobiliare del complesso in questione senza prevederne un adeguato piano di bonifica, in barba a tutte lenormative di tutela Ambientale che già allora erano in vigore.

Se non verranno presi immediatamente provvedimenti ci faremo carico di qualsiasi procedimento legale necessario, al fine di tutelare nel miglior modo possibile la salute dei cittadini di Isola, e dei bambini che frequentano l’asilo nido “Lucignolo”.

  

Ordine del Giorno, Consiglio Comunale del 28.11.2013

c_cIl Consiglio Comunale di San Miniato è convocato nel Palazzo Comunale, per GIOVEDI’ 28 NOVEMBRE 2013 alle ore 17.00 per la trattazione del seguente

ORDINE DEL GIORNO

1. Comunicazioni del Presidente e del Sindaco.

2. Approvazione verbale della seduta consiliare – PUBBLICA – del 05.11.2013 (Settore Servizi Generali e di Supporto).

3. Approvazione verbale della seduta consiliare – PUBBLICA – del 12.11.2013 (Settore Servizi Generali e di Supporto).

4. Risposta a interrogazione presentata in data 05.11.2013 dal Gruppo Consiliare “Sinistra Ecologia Libertà” ad oggetto “Biblioteca Comunale. Illuminazione”.

5. Risposta a interrogazione presentata in data 05.11.2013 dal Gruppo Consiliare “Comunisti Uniti” ad oggetto “Richiesta informazioni su tagli al servizio raccolta, smaltimento rifiuti solidi urbani”.

6. Risposta a interrogazione presentata in data 12.11.2013 dal Gruppo Consiliare “Comunisti Uniti” ad oggetto “Servizio di vigilanza antincendio durante la Festa del Tartufo 2013”.

7. Segni distintivi comunali. Emblemi araldici e titolo Città di San Miniato. Richieste di concessione. Modifica art. 2 Statuto Comunale. (Settore Servizi Generali e di Supporto).

8. Affidamento in concessione del servizio di accertamento e riscossione ordinaria e coattiva dell’Imposta Comunale sulla Pubblicità e del Diritto sulle Pubbliche Affissioni compresa la materiale affissione dei manifesti. Determinazioni. (Settore Programmazione e Gestione delle Risorse).

9. Ratifica deliberazione della Giunta Comunale n. 132 del 05/11/2013 avente per oggetto: “Bilancio di Previsione 2013, Bilancio Pluriennale e Relazione Previsionale e Programmatica 2013-2015. Variazione di Bilancio e variazione di PEG.” (Settore Programmazione e Gestione delle Risorse).

10. Bilancio di Previsione 2013-2015. Variazione di assestamento generale ex art. 175 del T.U.E.L. “Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli Enti Locali” approvato con D. Lgs. n. 267/2000 e successive modifiche ed integrazioni. (Settore Programmazione e Gestione delle Risorse).

11. Programma Triennale 2013-2015 ed Elenco Annuale 2013 dei Lavori Pubblici (art. 172, lett. d,del T.U.E.L. “Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli Enti Locali” approvato con D.Lgs. n. 267 del 18.08.2000 e D. Lgs. n. 163/2006). Modifiche. (Settore Lavori Pubblici,Grandi Opere e Infrastrutture).

  

Ordine del giorno, Consiglio Comunale del 12.11.2013

c_cIl Consiglio Comunale di San Miniato è convocato nel Palazzo Comunale, per MARTEDI’ 12 NOVEMBRE 2013 alle ore 17.00 per la trattazione del seguente ORDINE DEL GIORNO

1. Comunicazioni del Presidente e del Sindaco.

2. Ordine del Giorno presentato dal Gruppo Consiliare “Sinistra Ecologia Libertà” ad oggetto: “In merito alla garanzia di applicazione della legge 22 maggio 1978 n. 194: Norme sulla tutela sociale della maternità e sulla interruzione volontaria della gravidanza”.

3. Ordine del Giorno presentato dal Gruppo Consiliare “Sinistra Ecologia Libertà” ad oggetto: “Appello al Governo e al Parlamento per l’immediata abolizione del reato di immigrazione clandestina introdotto dalla Legge n. 94/2009, la modifica urgente del T.U. sull’Immigrazione (D. Lgs. n. 286/1998) con la revisione dei meccanismi di ingresso e l’abolizione delle norme previste dalla Legge n. 189/2002 (Bossi-Fini)”

  

Il governo liberalizza il Wi-Fi, Decreto Fare cambiato in extremis

danpertici luglio 24, 2013 Connettività, Notizie dal mondo No Comments

 

free-wi-fi-258

Vittoria per chi tifava per il Wi-Fi libero, ma libero davvero.  In Commissione Bilancio alla Camera è riuscito il blitz per modificare l’articolo 10 del Decreto del Fare: ora sono caduti tutti gli obblighi per esercenti, negozi, ristoranti che offrono il Wi-Fi al pubblico. Liberalizzazione, quindi, “quando l’offerta di accesso non costituisce l’attività commerciale prevalente del gestore del servizio”.

 

Ecco quindi l’attuale testo dell’articolo 10:
“L’offerta di accesso alla rete internet al pubblico tramite rete WIFI non richiede l’identificazione personale degli utilizzatori. Quando l’offerta di accesso non costituisce l’attività commerciale prevalente del gestore del servizio, non trovano applicazione l’articolo 25 del codice delle comunicazioni elettroniche di cui al decreto legislativo 1° gennaio 2003, n.259 e successive modificazioni, e l’articolo 7 del decreto-legge 27 luglio 2005, n. 144, invertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2005, n. 155, e successive modificazioni”.

 

Analizziamolo. L’obbligo di identificazione era già caduto nel 2011, con la scadenza di alcuni termini del decreto Pisanu (e quindi non è una novità), ma serviva una norma che per prima cosa esplicitasse questo principio e che poi facesse piazza pulita anche di altri obblighi per gli esercenti che offrivano il Wi-Fi: sia quelli del codice delle comunicazioni (che valgono per i provider di internet) sia quelli sopravvissuti nel Pisanu contro il terrorismo. Adesso quindi un esercente, un negozio, un hotel, un ristorante, ma anche una pubblica amministrazione può liberalmente mettere un hot spot, collegarlo alla rete e offrire il servizio. Senza dover tracciare gli utenti, le loro connessioni, fornire account e password, né chiedere autorizzazioni. Il precedente testo del Fare invece chiedeva di tracciare i codici del dispositivo usato per la connessione (computer, tablet o cellulare) imponendo oneri tecnici e burocratici gravosi per qualsiasi esercente.

 

In realtà resta consigliabile tenere traccia di chi utilizza il nostro hot spot Wi-Fi, anche se non è obbligatorio. Può servire per discriminarsi, nei confronti di indagini di polizia, qualora qualche utente utilizzi la nostra connessione per commettere reati. In altri Paesi europei è capitato che l’esercente fosse considerato corresponsabile, in questo caso. In Germania, una sentenza del maggio 2010 ha dichiarato parzialmente responsabile il proprietario/utente di una rete Wi-Fi che non abbia utilizzato adeguati sistemi di protezione dal rischio di utilizzi abusivi della connessione per finalità illecite. Il caso riguardava lo scambio di file pirata. Stessa casistica nel Regno Unito, dove però è proprio il Digital

Economy Act a imporre che siano identificati gli utenti che violano il copyright. La Francia addirittura chiede di tenere per 12 mesi il registro delle connessioni e di fare il possibile per consentire di risalire all’identità degli utenti.

 

In Italia la normativa non è così esplicita e non c’è una giurisprudenza chiara, in merito. Però già adesso, e da tempo, le principali reti Wi-Fi identificano in modo sicuro gli utenti, via sim del cellulare, quindi il problema è marginale.

 

Alla fine è prevalsa quindi, comunque, la linea della liberalizzazione su chi- nel ministero dell’Interno, in particolare- voleva imporre alcuni obblighi di tracciabilità degli utenti per favorire le indagini.

 

Il nuovo testo è vicino a quanto suggerito da Stefano Quintarelli (Scelta Civica), Marco Meloni (PD); ma a quanto risulta ci ha lavorato anche Roberto Sambuco (Capodipartimento Comunicazioni del Mise) con il viceministro Antonio Catricalà. Hanno convinto il relatore Francesco Boccia, in Commissione, a modificare l’articolo 10 togliendo ogni obbligo. Il relatore ha quindi proposto l’emendamento alla Commissione, che l’ha approvato. Adesso resta da vedere il testo definitivo nero su bianco e aspettare la fine dell’iter del decreto, che deve ancora passare alla Camera e poi al Senato. Ma altre sorprese, a questo punto, sono improbabili.

Fonte: Il Sole 24 Ore

  

Più alberi in Italia ma le città restano camere a gas per lo smog: i dati ambientali ISPRA

danpertici luglio 22, 2013 Ambiente, Notizie dal mondo, Trasporti No Comments

ispra2-620x350ISPRA fotografa nell’Annuario dei Dati Ambientali la situazione dell’ambiente nel nostro Paese e ciò che emerge è una situazione in bianco e nero. Il rapporto è organizzato in diversi capitoli tra cui “Tematiche in primo piano”, “Tematiche in primo piano light”, “Annuario in cifre”, “Database”, “Multimediale” e “Fumetto”, destinato a un pubblico giovane di non esperti.

Da un lato l’inquinamento è sempre più concentrato nelle grandi città a causa dello smog e dei continui sforamenti dei livelli di emissione dei PM10, dall’altro si è registrato un aumento del coefficiente di boscosità al 36%, molto più alto di quel 28,8% registrato nel 1985. Nelle aree metropolitane, restano stazionari i dati relativi a biossido di azoto e benzene ma il PM10, fa registrare sforamenti dei limiti giornalieri nel 48% delle stazioni di monitoraggio. Ozono oltre i limiti nel 92% delle stazioni e sforamento dei limiti di biossido di azoto nel 20% delle centraline di monitoraggio. Preoccupano i livelli di benzo(a)pirene che superano i limiti nel 20% dei rilevamenti.

In realtà poi su tutto il territorio si registrano meno spostamenti in auto tanto che gli italiani, probabilmente a causa della crisi, hanno ridotto gli spostamenti del 16,6% a fronte di un aumento del turismo dall’estero. Amiamo sempre l’auto però che preferiamo come mezzo di trasporto scelto dal 62,9& mentre gli stranieri che arrivano da noi e scelgono di farlo in auto sono il 65% il che sembra dire che effettivamente non si fidano del nostro sistema di trasporto pubblico. Le emissioni di gas serra dal settore trasporti sono state parti al 23,4% del totale. Il che evidenzia una diminuzione del 5% rispetto al 2011 portandoci sempre più vicini agli obiettivi del Protocollo di Kyoto.

Crescono i boschi e le foreste su aree abbandonate dall’agricoltura anche se cresce la minaccia incendi per cui il 72% che si sono registrati nel 2011 erano di natura dolosa, il 14% colposa e il restante 14% non classificabile. Ce la caviamo bene anche con le acque di balneazione per cui il 91,9% è conforme ai limiti imposti dalla Direttiva 76/160/CEE. Ma cresce il consumo del suolo per cui in media sono stati consumati 7 m2 al secondo per oltre 50 anni e oggi arriviamo agli 8 m2 al secondo: ossia ogni 5 mesi viene cementificata una superficie pari a quella del comune di Napoli e ogni anno una superficie pari alla somma di quelle dei comuni di Milano e Firenze.

L’inquinamento industriale però resta preoccupante e nel 2012 sono stati rilasciati 13 provvedimenti di AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) a 1 raffineria, 3 centrali termoelettriche e 9 impianti chimici e gli impianti vigilati sono stati 140 nel 2012 contro i 25 del 2009 mentre sono stati ispezionati nel 2012 76 impianti contro i 5 del 2009.

Un capitolo nuovo e molto utile è dedicato ai pollini con l’inserimento dei dati relativi alla stagione pollinica e all’indice pollinico allergenico. In Italia centrale dunque, emerge una presenza di pollini al di sopra della media e sono per lo più cupressaceae con picchi a Firenze, Perugia e Castel di Lama; a Nord si notano più pollini del tipo urticaceae così come nell’Arco prealpino, dalla spiccata biodiversità.

L’Italia ha un territorio particolarmente tendente al dissesto geologico-idraulico, sia per le proprie caratteristiche geologiche e geomorfologiche, sia per l’impatto dei fenomeni meteoclimatici oltre che per la diffusa e incontrollata presenza dell’uomo e delle sue attività.

Dal 1° novembre 2011 al 31 dicembre 2012 in Italia sono stati registrati 4.129 terremoti di magnitudo maggiore o uguale a 2, ed è aumentato il numero dei sismi con magnitudo superiore a 5. Si sono censite circa 487.000 frane 987.650 persone le hanno subite. Nel 2012 risultano a ISPRA 85 eventi di frana principali e le persone esposte ad alluvioni sono 6.153.860.

Fonte: Ecoblog.it

  

Cave in Val di Chiecina: le parole non bastano più!

danpertici luglio 16, 2013 Ambiente, In Evidenza No Comments

no_cave
Negli ultimi giorni la vicenda relativa alla costruzione delle cave in Val di Chiecina ha registrato una importante e preoccupante novità: il Tar per la Toscana accogliendo il ricorso presentato da un proprietario dei terreni sul versante sanminiatese della valle ha di fatto bocciato la decisione della Provincia di Pisa di scartare il sito di Bucciano quale possibile zona per l’attività estrattiva. Per chi non avesse seguito l’intera vicenda ricordiamo che era stato il Comune di San Miniato in virtù della vocazione tartufigena della zona a chiedere esplicitamente all’ente provinciale di togliere il sito in questione dal Piano. In attesa del verdetto dell’Università di Pisa sulla presenza tartufigena nell’intera valle, se prima il timore era che venissero costruite 3 cave, all’improvviso ci troviamo di fronte alla possibilità che il numero dei siti aumenti.

Come è possibile leggere nelle motivazioni del Tar uno dei diritti lesi al proprietario dei terreni risulta essere quello relativo all’informazione, si ritiene cioè che non non sia stato avvertito nei modi e nei tempi giusti, fatto che costituisce, testualmente,  “un vulnus ai diritti di partecipazione“. Per la prima volta quindi un tribunale ha riconosciuto quello che noi sosteniamo da più di un anno circa l’inadeguatezza dell’informazione da parte degli enti amministrativi locali nei confronti dei cittadini interessati. Ma se non è stato correttamente informato uno di coloro che dalla costruzione delle cave avrebbe tratto profitto ancor più grave è che l’informazione sia stata debole e inefficace nei confronti di tutti coloro che rischiano di veder svanire nel nulla anni e anni di lavoro e investimenti nella zona.  Se al Tribunale Amministrativo spetta la giusta tutela del diritto da parte del proprietario ad un lecito sfruttamento economico del proprio terreno, a maggior ragione la politica dovrebbe farsi carico della tutela dell’interesse generale, compreso quello ambientale e paesaggistico di una valle patrimonio di tutti.

Mentre accade tutto questo, proprio lo stesso giorno in cui si è potuto leggere sulla stampa locale della sentenza del Tar, alla Festa Democratica Provinciale a San Miniato Basso si è svolto un incontro sul Turismo al quale hanno preso parte i Consiglieri Regionali Tognocchi e Mattei nonché il Presidente della Provincia di Pisa Andrea Pieroni. Fra il pubblico erano presenti anche alcuni membri del Comitato “No alle cave” e noi al loro fianco. Al momento delle domande abbiamo preso la parola facendo presente l’insensatezza di dover legare la salvaguardia di un luogo incontaminato come la Valle del Chiecina alla sola presenza del Tartufo, ne è scaturito un dibattito acceso ma apparentemente fruttuoso, se solo i fatti seguissero le parole dei nostri amministratori. Pier Paolo Tognocchi, a distanza di qualche settimana dalle ultime dichiarazioni pubbliche sull’argomento ha ribadito che le cave in Val di Chiecina non si faranno e che è inutile starsi a preoccupare. L’apprensione da parte del Comitato e più in generale dei cittadini che hanno a cuore la protezione di quell’angolo di paradiso però rimane alta, la verità è che delle promesse non si fida più nessuno. Con loro anche noi attendiamo fatti concreti come la cancellazione di tutte le delibere relative alla costruzione delle cave e l’accantonamento definitivo dello sciagurato progetto delle attività estrattive in Val di Chiecina.

Cogliamo infine l’occasione per invitare tutta la cittadinanza alla Festa Campestre di Giovedì 18 Luglio, evento organizzato dal Comitato “No alle Cave”  per protestare contro le decisioni sbagliate di Regione Toscana, Provincia di Pisa e Comune di Palaia. L’appuntamento è fissato per l’ora di pranzo presso le Mandrie alte in Val di Chiecina davanti un vecchio forno contadino a legna, per un pasto condiviso.

  

Libero WI-FI in libero Stato

danpertici giugno 17, 2013 Connettività, In Evidenza No Comments

free-wifiSono trascorsi ormai quasi tre mesi da quando l’Assessore Giunti in occasione della Consulta territoriale di San Miniato del 26 marzo affermò, testualmente, che nel giro di 1-2 mesi sarebbero stati attivati gli hotspot per la copertura Wi-Fi di 7 piazze nel centro storico di San Miniato. Concetto per altro ribadito poco più di un mese dopo al Consiglio Comunale di Aprile, in occasione del quale l’Assessore spiegò il perché fosse stato scartato un progetto analogo presentato da 12 associazioni del territorio e che vedeva la partecipazione economica della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato. I dubbi su questa scelta restano ancora molti e coincidono per larghissima parte con quelli espressi dall’Associazione San Miniaton | Off, capofila dell’iniziativa, nel comunicato stampa del 3 Maggio.

Ai dubbi e agli interrogativi posti dall’Associazione di cui sopra ne aggiungiamo volentieri qualche altro. Prima di tutto: perché scartare un progetto che a fronte di costi analoghi avrebbe permesso la copertura di tutto il territorio comunale e non del solo centro storico di San Miniato? Andando nel dettaglio si parla di 100 hotspots previsti dal progetto scartato contro i 7 del vincitore, senza contare i contenuti multimediali e la parte informativa ampiamente compresi nel primo e completamente mancanti nel secondo caso. Contenuti quest’ultimi che sarebbero andati a colmare un quasi-vuoto, ormai decennale, nelle informazioni on-line riguardanti San Miniato e il suo territorio. Nelle dichiarazioni dell’assessore si fa riferimento ad ipotetici limiti riguardo la sicurezza, ma questo rischia di significare tutto e nulla. A cosa si riferisce l’Assessore Giunti? Saremmo curiosi di capire con quali criteri si sia ritenuto poco sicuro un progetto, che nella sua struttura si ispirava ad un’analoga esperienza toscana cofinanziata dalla Regione.

Considerato poi che la puntualità non è un optional, che della questione Wi-Fi se ne parla ormai dal 2011, anche se concretamente solo dai primi mesi 2012, e che ad oggi ancora niente è stato realizzato, paventiamo il rischio che aspettare ulteriore tempo possa finire per rendere la tecnologia ipotizzata dal Comune addirittura obsoleta e poco funzionale. Basti pensare come lo stesso procedimento di prima registrazione, che solitamente prende alcuni minuti, possa sembrare tempo perso per chiunque abbia bisogno di una ricerca veloce. Tanto varrebbe usufruire del “pacchetto dati” ormai presente su qualunque abbonamento per smartphone. Il progetto scartato dal Comune non aveva sottovalutato questo aspetto, non a caso prevedeva l’installazione di hotspots nelle zone dove le persone avrebbero potuto sostare, si pensi ai parchi con le panchine o alle piazze con bar, ristoranti, circoli, biblioteche, musei. Rimane difficile capire cosa possa spingere un cittadino o un turista ad impegnarsi in un procedimento farraginoso di autenticazione online, per esempio in Piazza del Seminario, senza la benché minima possibilità di mettersi comodo.

Ricapitolando: la nostra impressione è aver preferito un progetto spot, sicuramente “sicuro” ma alla fine poco funzionale alle esigenze del cittadino e del turista, scartandone un altro che invece sarebbe andato nella direzione opposta offrendo un servizio laddove effettivamente ce ne sarebbe stato il bisogno.

L’indicazione che, probabilmente, siamo di fronte ad un sistema ormai superato viene offerta proprio in questi giorni dal Ministro Zanonato, il quale descrivendo i provvedimenti del cosiddetto “Decreto del Fare”, ha annunciato la completa liberalizzazione del Wi-Fi, ovvero la possibilità di offrire servizi di accesso alla rete, senza la richiesta di autentificazione personale degli utilizzatori, come possiamo vedere in questo estratto della conferenza stampa: http://www.youtube.com/watch?v=BEvToyRVkMM

 A questo punto, ci chiediamo se non sia davvero il caso di ripensare il sistema previsto, magari coinvolgendo davvero quanti si erano impegnati a fornire a San Miniato e al suo territorio un prezioso strumento e che, alla luce dei fatti, si sono dimostrati ben più lungimiranti.

  

Slow Food Day 2013: “riduciamo gli sprechi alimentari”

danpertici maggio 14, 2013 Ambiente, Energia, Notizie dal mondo, Sviluppo No Comments

cibo_spazzatura7Stando allo studio della Commissione Europea Food Waste in the EU: a study by the European Commission, Workshop on Municipal Waste Prevention, a livello europeo gli sprechi alimentari domestici corrispondono al 42% del totale e ammontano a circa 76 kg pro-capite. Se poi confrontiamo i vari Paesi europei, l’Italia si posiziona circa a metà strada tra la Grecia, che con 44 kg procapite all’anno si rivela la più virtuosa, e l’Olanda, con un picco di 579 kg.

Nel Belpaese raggiungiamo i 149 kg procapite, che comunque non sono pochi. La ricerca diffusa dall’Associazione per la difesa e l’orientamento dei consumatori (ADOC) rivela che, del nostro spreco casalingo di prodotti edibili, il 35% è costituito da prodotti freschi, il 19% da pane e il 16% da frutta e verdura.

“Quando sprechiamo cibo, oltre a fare qualcosa di eticamente non accettabile, sprechiamo anche molto altro: il denaro che abbiamo speso per acquistare quel cibo; il tempo di chi ha lavorato per produrlo e il tempo che abbiamo lavorato per guadagnare i soldi con cui comprarlo; la terra, l’acqua e l’energia che sono state impiegate nella produzione, trasformazione e distribuzione”, spiega Roberto Burdese, presidente di Slow Food Italia. “In tempi di grave crisi come quelli che stiamo vivendo, che impongono cambiamenti sostanziali a tutti i livelli, combattere gli sprechi diventa un imperativo, ma anche una straordinaria opportunità di rilancio della nostra economia. E non sprecare è bello e buono! Ecco perché abbiamo dedicato a questo tema il nostro Slow Food Day 2013” continua Burdese.

Molti i consigli e le buone pratiche proposte dall’associazione della chiocciola in occasione del terzo Slow Food Day, in programma il 25 maggio in circa 300 piazze italiane. “Le ricette della nostra cultura gastronomica ci aiutano a recuperare gli avanzi, pensate ai timballi, ma ci sono tanti piccoli accorgimenti quotidiani: fare la spesa più spesso comprando meno; scegliere cibi sciolti; cercare prodotti locali, freschi e di stagione, magari direttamente dal produttore, che hanno consumato molta meno energia per arrivare dal campo alla nostra tavola; mediamente mangiare un po’ meno (anche le calorie che assimiliamo in eccesso sono, in qualche misura, uno spreco). Venite a trovarci nella piazza più vicina per scoprire le numerose iniziative organizzate dalle Condotte, con laboratori di degustazione, incontri formativi e momenti di scambio”, conclude Burdese.

Vieni in piazza con l’oggetto che butteresti e insieme lo faremo rivivere: questo lo slogan dello Slow Food Day a Bologna. “In via degli Orefici ci sarà una chiocciola ricreata con il terriccio, colorata da piantine officinali e piccoli ortaggi”, racconta Raffaela Donati, fiduciaria della Condotta Slow Food di Bologna. “Piantine che con l’aiuto dei ragazzi dell’Istituto agrario Serpieri rinvaseremo proprio negli oggetti portati in piazza, creando un piccolo orto che ognuno porterà a casa”. Ma gli appuntamenti bolognesi non finiscono qui: si continua nel pomeriggio con lezioni di cucina senza sprechi, installazioni artistiche ideate dagli studenti dell’Accademia delle Belle Arti e laboratori a cura dei ragazzi disabili di Coop Attività Sociali/Marakanda, che rappresenteranno simbolicamente l’idea di convivio senza sprechi.

Lo Slow Food Day di Torino quest’anno colora il suggestivo Parco del Valentino, a due passi dal centro. “Molte le attività organizzate, da momenti di incontro con esperti come Luca Mercalli, ad appuntamenti ludici ed enogastronomici. Alle 12 nel Fluido, storico locale sulle rive del Po, proporremo piatti contro lo spreco che esaltano l’arte del riciclo”, dice Leo Rieser, fiduciario della Condotta Slow Food di Torino. Mentre alle ore 18 tutti in pista per la Disco Salade, una vera e propria festa organizzata con la Rete giovane di Slow Food Torino dove, al ritmo di musica elettronica, si prepara un’insalatona con le verdure recuperate al mercato di Porta Palazzo.

Molte anche le iniziative organizzate lungo lo stivale dalle Condotte Slow Food in collaborazione con le Botteghe Altromercato, per scoprire e assaggiare insieme i prodotti dei Presìdi Slow Food e piatti sconosciuti.

Fonte: Il Cambiamento

  

Carpooling: dal 2010 condivisi 64milioni di Chilometri

danpertici marzo 30, 2013 Notizie dal mondo, Trasporti No Comments

carpoolE’ cresciuta la sensibilità degli italiani verso forme più sostenibili di trasporto. Complici la crisi e il caro carburante, cresce, infatti, il numero di connazionali che sceglie la formula dell’auto di gruppo per spostamenti di media e lunga percorrenza.
Secondo i dati di carpooling.it, dal lancio del servizio nel 2010, in Italia sono stati condivisi 64 milioni di kilometri, con un risparmio di 3,5 milioni di litri di carburante e 7.000 tonnellate di CO2. Un bilancio positivo che attesta lo sviluppo del carpooling anche nel nostro Paese e ci colloca, a livello europeo, al terzo posto dopo Germania e Francia.

In base ai dati forniti da carpooling.it, chi sceglie questo modo di viaggiare è nel 68,5% dei casi di sesso maschile, anche se le donne sono in crescita al punto che tra qualche anno potrebbe essere raggiunta la media europea che vede queste ultime percentualmente in testa rispetto ai “maschietti”: 53% contro il 47%. L’età di chi viaggia? Bassa ma non bassissima, visto che solitamente varia tra i 25 e i 34 anni anche se fra i 4,3 milioni di utenti registrati in tutta Europa si trovano anche ventenni o sessantenni.

Fonte: ComuniVirtuosi.org

  

Green jobs: 4000 posti di lavoro in Irlanda grazie a risparmio energetico

danpertici marzo 24, 2013 Ambiente, Energia, Notizie dal mondo, Sviluppo No Comments

green_job4.000 posti di lavoro nel settore dei servizi delle costruzioni e dell’energia e 35 milioni di risparmio energetico nel 2012 in Irlanda. Sono questi i numeri del bilancio di un anno dell’Agenda Energetica Sostenibile, pubblicata dalla Sustainable Energy Authority of Ireland (SEAI), società cofinanziata dall’Europa e dal Governo Irlandese.

Nel 2012 SEAI ha erogato oltre 70.000.000 € attraverso programmi di sostegno e ha calcolato che ogni euro speso dal Governo attraverso i suoi programmi per l’energia ha fruttato ben 2,50€ di finanziamenti abbinati. Inoltre, sono stati finanziati più di 100 progetti di efficienza energetica nelle imprese e nelle organizzazioni del settore pubblico, che hanno notevolmente ridotto l’energia consumata. Gli 11.000.000€ spesi dal governo nel 2012, insieme con i 34.000.000€ di finanziamento corrispondente, faranno risparmiare circa 11.000.000€ all’anno, restituendo il capitale investito dallo Stato in appena un anno.

L’energia sostenibile è di vitale importanza per la ripresa economica dell’Irlanda e la creazione di posti di lavoro. Azioni come gliaggiornamenti energetici domestici e aziendali per il risparmio dei consumi energetici stanno già dimostrando come si possono abbassare i costi e creare posti di lavoro creati. Allo stesso tempo, l’Irlanda sta sfruttando la sua grande risorsa naturale, le energie rinnovabili, e quindi riducendo drasticamente le importazioni di combustibili fossili“, spiega Brian Motherway, amministratore delegato di SEAI.

Ciò che è stato raggiunto oggi dimostra che tutto ciò è possibile, ma è solo l’inizio, continua l’A.D.: “il 2013 sarà un anno di ulteriore crescita in tutti i settori. Noi sosterremo tutte le case e le imprese che vogliono ridurre le bollette energetiche. offriremo finanziamenti alle comunità per incoraggiare le azioni di sostenibilità locali, che creano occupazione. E dobbiamo fare in modo che si continui a sviluppare l’eolico e le altre tecnologie rinnovabili. Il lavoro SEAI è quello di incoraggiare azioni reali e significative per creare posti di lavoro, ridurre i costi energetici e sviluppare in Irlanda il settore in rapida crescita dell’energia sostenibile“.

Fonte: greenbiz.it

  
Operazione Trasparenza!
Iscriviti alla newsletter!
Scarica il programma del Movimento 5 Stelle

Archivi