Scuole in affitto

Credevamo che le province fossero inutili. Invece per quanto riguarda la provincia di Firenze ci siamo ricreduti. Non è inutile: è dannosa! Si lamenta ogni giorno dei tagli, arrivando a minacciare di spegnere i riscaldamenti alle scuole e poi spreca all’inverosimile. Solo ad Empoli ha 3 sedi scolastiche in affitto, …

La voce ai cittadini

Sempre alla ricerca di costante e proficuo dialogo con il cittadino, il Movimento 5 Stelle dell’Empolese Valdelsa da oggi parte ufficialmente con la campagna “La voce ai cittadini”, iniziativa diretta agli abitanti del territorio e relativa alle problematiche del medesimo. Campagna di ascolto che si basa sulla distribuzione di questionari …

Combattere per la pace con le armi e altre storie

Anche oggi ci troviamo davanti alla pavidità di questo parlamento, davanti ad un largo accordo che rovina completamente il nostro paese, accordo che è basato sul ricatto di garantire stabilità a questo governo decisamente scarso. Dopo 3 giorni di discussioni, di riunioni, di speranze ci troviamo davanti ad un ricatto …

Primo esposto

Come già annunciato pubblicamente in Consiglio Comunale abbiamo proceduto a segnalare alla Corte dei Conti di Firenze i nostri dubbi sui profili di illegittimità dell’operazione portata avanti dall’unione dei comuni e dal comune di Empoli sulla gestione dei servizi finanziari. Segnalazioni analoghe saranno fatte da questo movimento senza dubbio ogni …

Ultimi articoli:

S.O.S Empolese-Valdelsa

Empoli 5 Stelle ottobre 30, 2013 Politica News No Comments

Attila flagello di dio
Ieri sera il consiglio dell’Unione dei Comuni non ha ratificato la convenzione con la Provincia di Firenze per lo svolgimento delle funzioni provinciali e ciò significherà presto la perdita delle funzioni che erano state dalla provincia delegate all’ex circondario 15 anni fa.
A far saltare la ratifica della convenzione già approvata a livello provinciale, l’assenza del numero legale che il Partito Democratico non riusciva a garantire nemmeno con la presenza dell’opposizione.
Si tratta di servizi in molti casi rivolti direttamente ai cittadini, che o saranno gestiti da Firenze, con perdita di qualunque decisione che viene dal territorio, o per i quali l’ utente dovrà andare a Firenze. Si tratta di servizi come controllo caldaie, passi carrabili, trasporti, strade pozzi, agricoltura e caccia che interessano molte persone
Un ulteriore schiaffo dopo la chiusura del tribunale, dell’unico ostello della gioventù del territorio, con la riduzione del 90% dei corsi ASEV, e quella già prevista del giudice di pace e con un patrimonio scolastico in costante degrado.
Il costante rinvio delle decisioni, l’occuparsi prima di tutto del partito e dei suoi problemi interni e non all’interesse del territorio farà si che questo territorio tra breve sarà solo la periferia estrema e degradata dell’aria metropolitana fiorentina.
Nell’ ultimo anno questa situazione di incertezza ha già fatto scappare una decina di funzionari dall’Unione dei Comuni ed impedito il funzionamento di molti uffici (il servizio finanziario, l’ufficio gare e la gestione del personale). Così com’è serve ormai solo a garantire lo stipendio ad un ex politico del secolo scorso che sta ad un manager-direttore come un aquilone ad un Jet, ma che costa lo stesso.
Invece di parlare a caso di Comune unico, senza avere saputo fare funzionare neppure 3 servizi insieme, figuriamoci tutti quanti, occorre una rapido cambiamento di rotta che consenta di gestire sia gli attuali servizi provinciali sia quelli comunali in forma associata. Per cui è necessario dare vita ad una struttura che abbia le funzioni di cabina di regia e che possa gestire in modo manageriale le opportunità di sviluppo del territorio. Che preveda un ufficio gare unico per accedere ai finanziamenti europei, un ufficio tecnico unico in grado di fare progetti di sviluppo locale e non perdere fondi statali e regionali e un servizio finanziario unico per gestire questi fondi.
Quanto avvenuto in questi giorni dovrebbe essere di insegnamento sulle inefficienze delle attuali strutture, in quanto non solo la Provincia ha perso 1 milione di Euro per la scuola Enriques, ma anche i comuni di Montaione, Montespertoli e Fucecchio hanno perso finanziamenti regionali per complessivi 400 mila euro. Tutto a discapito della salute di studenti, professori ed impiegati costretti a convivere con l’amianto ancora per anni. Per non parlare del Comune di Empoli che pur avendo scuole dove piove dentro non ha neppure pensato a fare la domanda.
Che questi politici giunti a fine carriera non pensino solo ai loro interessi personali e di partito ma per una volta ai loro cittadini e non lascino dopo di loro solo delle rovine degne del passaggio di Attila.

  

Quel milioncino andato in fumo

Gabriele ottobre 25, 2013 Politica News 2 Comments

euro_t

Un atto della Regione (decreto dirigenziale 4816 dell’11/10/2013) ha sancito ufficialmente che la Provincia di Firenze è un ente che danneggia il nostro territorio. Tale atto infatti certifica che la provincia di Firenze ha perso un finanziamento di 1 milione di Euro per riqualificare e mettere in sicurezza il liceo Enriques di Castefiorentino. Oltretutto, cosa assai rara, un finanziamento al 100%, cioè senza che la Provincia dovesse aggiungere un centesimo. Aggravato dal fatto che i fondi erano stati sollecitati dall’UPI e dalla stessa Provincia di Firenze al governo fin dal 2010 come necessari.
Per cui un ente che piange in continuazione la mancanza di fondi, arrivando a minacciare ogni autunno lo spegnimento dei riscaldamenti nelle scuole, butta letteralmente via 1 milione di Euro per avere inviato alla Regione la domanda in ritardo.
Un assessore che finge di dimenticarsi che gli attuali contratti delle scuole superiori di Empoli del valore complessivo di circa 900.000 euro all’anno sono rinnovi di vecchi contratti datati almeno 30 anni, e che ritiene che niente potrà essere cambiato per anni perché mancano fondi da investire per realizzare scuole di proprietà, se avesse un minimo di dignità di fronte a questo scempio dovrebbe dimettersi immediatamente. Perché non si capisce quale ruolo abbia se nemmeno su cose di massima importanza come queste verifichi cosa facciano i suoi uffici.
E tutto nel silenzio generale dato evidentemente che anche in Provincia di Firenze hanno prevalso le larghe intese e nemmeno una forza di opposizione che denunci sperperi così gravi.
E la gravità di questo milione di euro buttato via colpisce tutti noi, a partire dai professori e dagli studenti che ogni giorno si confrontano con carenze di ogni genere e che devono continuare a lavorare e studiare in edifici non potranno essere messi a norma, né in sicurezza né riqualificati.
Non esistono termini adatti per commentare episodi come questo.

  

Over the left

Gabriele ottobre 18, 2013 Politica News 3 Comments

Gaccione_tirreno
Finalmente apprendiamo che la sinistra Empolese, se pure forse inconsciamente, sta facendo propri i punti che il MoVimento porta avanti da anni, nell’indifferenza di tutti: no inceneritori, mobilità alternativa e limiti al consumo del territorio.
Per non parlare della battaglia a difesa della costituzione, iniziata dal MoVimento sul tetto di Montecitorio e proseguita in piazza a Roma.
Se questa sinistra ritiene disfattista la difesa dalla Costituzione e le altre battaglie viene da porsi la domanda di perché le sostenga. Carenza di idee?
E se ritiene inconcludenti le battaglie del MoVimento, cosa dire di una forza che è stata spazzata via dal parlamento nazionale dopo diverse esperienza di governo con Prodi? Il giudizio degli elettori sulla “concludenza” di questa forza politica è stato inequivocabile.

  

Scuole in affitto

giuseppe ottobre 4, 2013 In Evidenza, Politica News 1 Comment

Affitto scuola
Credevamo che le province fossero inutili. Invece per quanto riguarda la provincia di Firenze ci siamo ricreduti. Non è inutile: è dannosa! Si lamenta ogni giorno dei tagli, arrivando a minacciare di spegnere i riscaldamenti alle scuole e poi spreca all’inverosimile.
Solo ad Empoli ha 3 sedi scolastiche in affitto, in via Fabiani (IPSCT Leonardo da Vinci), in via Fucini (IS Virgilio) ed in via G. da Empoli (ITG Brunelleschi). Si tratta di edifici obsoleti, non a norma ed inadeguati per i quali viene pagato un affitto complessivo di € 756.000,00 ogni anno.
E siccome non sono provvisti di palestra altri € 100.000,00 di spesa occorrono per il noleggio di impianti del comune e per i bus per portarci gli studenti (con disagi, inquinamento, perdita di tempo, ecc.).
Possibile che sia mancata per decenni la minima programmazione e visione del futuro e che nessun amministratore provinciale abbia pensato a costruire una scuola degna di questo nome? Che ogni anno si gettino al vento oltre € 850.000,00 in affitti (più ovviamente le utenze) quando con gli stessi soldi si potrebbe pagare un mutuo per la costruzione di un edificio moderno, funzionale con ridotti consumi elettrici e termici? Con l’assurdo massimo della sede di via Fucini per la quale vengono pagati ben 165,49 €/mq cifra sproporzionatamente fuori mercato!
Chi sano di mente pagherebbe ad Empoli 1.500 € al mese per un vecchio appartamento di 110 mq? Con l’assurdo di varie aule dell’Istituto Ferraris ospitate a tempo indefinito dentro container stile post terremoto. Di fronte a tale colossale spreco non sembra possibile pensare solo ad incapacità ma viene da pensare molto di peggio, specie quando si legge dei problemi per mancanza di aule. Ci vorranno anni per rimediare ai danni causati da questi politici, ma occorre iniziare il prima possibile, in primo luogo dalla soppressione di questo ente dannoso.

  

Lavoratori Falaschi in subbuglio: “Ad agosto percepiti stipendi anche da 9 euro”. Autisti degli scuolabus alla Camera del Lavoro

Gabriele settembre 27, 2013 Notizie locali No Comments

scuolabus_falaschi_vinci
La denuncia del delegato Rsu Rizzello: “L’azienda parla di errore che vorrebbe sanare soltanto a fine ottobre. È inaccettabile”

Una nuova brutta sorpresa in questi giorni per gli autisti della Falaschi Scuolabus, l’azienda che eroga il servizio nei territori comunali di Capraia e Limite, Cerreto Guidi, Montelupo Fiorentino e Vinci. Il delegato della Rsu Vittorio Rizzello spiega infatti a gonews.it quanto avvenuto.
“Sono andato a controllare l’accredito dello stipendio del mese di agosto – racconta – e il risultato è che l’azienda mi ha corrisposto una busta paga di nove euro. Ho parlato con gli altri colleghi e la situazione è simile: chi ne ha presi una decina, chi 20, chi 31, ma non più di queste cifre. Ad agosto gli scuolabus sono fermi, ma come dipendenti smaltiamo in quel mese ferie e permessi”.

continua a leggere su gonews.it

  

Le elezioni si avvicinano le promesse si moltiplicano

Gabriele settembre 27, 2013 Politica News 2 Comments

montespertoli_montagnana_frana_via_romita
A leggere sulla stampa le dichiarazioni di sindaci e assessori di enti locali vari si capisce che è stata lanciata la volata per le prossime elezioni amministrative. Con la gara a chi promette di più. Tra Firenze e Montespertoli fanno a gara a chi a parole ripara prima la frana a Montagnana. Il Sindaco ha rilanciato a 30 giorni. Chiunque dotato di buon senso e raziocinio, vedendo anche da lontano l’entità del danno, anche senza essere geologo neppure dilettante, se fosse minimamente onesto con i suoi cittadini, direbbe le cose come stanno. Ci vorranno almeno 3 mesi, se tutto va bene, probabilmente si arriverà all’anno prossimo. Invece intanto si promette, poi si dirà che poiché ha piovuto (che strano che in autunno piova!!!) ci sono stati dei ritardi e si rimanda e si rimanda ancora. Comunque noi saremo li, a testimoniare una strada ancora franata e la vacuità di quanto promesso. Non inaugureremo una strada ma un nuovo modo di fare politica. Con onestà soprattutto intellettuale.
Non da meno sono le promesse pre-elettorali che riguardano la nuova strada 429 Empoli-Castelfiorentino. Per mantenere i tempi ipotizzati dai rappresentanti di quell’ente in via di estinzione che è la Provincia ci vorrebbero almeno 400 persone al lavoro 24 ore su 24 per i prossimi 12 mesi. Attualmente ce ne sono una decina che lavorano qualche ora al giorno quando non piove. Per cui se qualcuno di quelli che amano tanto promettere facesse invece qualcosa di utile dando un serio impulso ai lavori forse tra 2 anni qualcosa potrebbe anche essere pronto. Altrimenti ne occorreranno ancora 4. Non certo a primavera come si favoleggia.

  

Suona la campanella, ma non per tutti

Gabriele settembre 11, 2013 Politica News No Comments

santa_croce_sull_arno_polizia_municipale_lezioni_scuola2
Primo giorno di scuola. Per tutti ma non per i vigili urbani di Empoli.
Ore 12.00, via Sanzio e via Bonistallo, giornata di sole (per fortuna) caos totale, macchine ovunque, bus bloccati, centinaia di studenti dappertutto e neppure un vigile.
Qualcuno comunichi all’Unione dei comuni che gestisce la polizia municipale che oggi in Toscana sono iniziate le scuole. Qualcuno dica che fino al 21 settembre tutte le classi escono alle 12.00 (c’era anche su tutti i giornali dell’11 settembre).
Qualcuno rimetta la sveglia perché i problemi sono seri e ci può scappare l’incidente e peggio.

  

#CostitutionDay anche ad Empoli – Montelupo – Gambassi – Castelfiorentino

Gabriele settembre 6, 2013 Politica News No Comments

di maio 138 costituzione
Quaranta “saggi” del calibro di Violante, Frattini, D’Onofrio, Quagliariello stanno fervidamente lavorando alla riforma della Costituzione.
Di preciso non si sa nulla, ma pare stiano lavorando per riformare in senso presidenzialista la nostra Repubblica, un provvedimento di cui tutti gli italiani alle prese con la crisi economica sentivano veramente il bisogno.
Presto, pare già a febbraio prossimo, usciranno con un “pacchetto pronto”, prendere o lasciare, con dentro tutto dal presidenzialismo alla riduzione del numero dei parlamentari, il poco di zucchero per provare a mandare giù la pillola.
Il 6 settembre è iniziata alla camera la discussione per attuare queste riforme in deroga all‘articolo 138 della nostra Carta, perché queste riforme, di cui il paese non sentiva minimamente l’esigenza, non possono essere attuate coi tempi ed i modi previsti proprio da quell’articolo che è messo a chiusura di sicurezza della nostra legge fondamentale, non si può, non c’è tempo, PD e PDL non possono aspettare.
La doppia lettura nelle due camere a distanza di tre mesi, questo prevede appunto l’art.138, ha lo scopo principale di far nascere una discussione nel paese sull’opportunità appunto di attuare o meno modifiche alla Costituzione.
Il rischio concreto è che già a metà marzo la riforma benedetta dal Governo Letta sia approvata senza che il paese sia stato adeguatamente informato su eventuali vantaggi o svantaggi di tali riforme.
Come MoVimento 5 Stelle la riforma in senso presidenziale dello Stato non ci piace, riteniamo che il Parlamento debba continuare ad avere, anzi debba riprendersi, il suo ruolo centrale nella discussione e nella formazione delle leggi, ma soprattutto non ci piace che per modificare la Costituzione si vada in deroga proprio a quanto la stessa Carta prescrive.
Per questo, per informare, sabato 7 saremo in piazza ad Empoli, Gambassi, Montelupo e Castelfiorentino, un semplice volantinaggio garantito dall’art. 21 della Costituzione almeno finché non decideranno di modificare anche quello.

  

TARES a passo di gambero

Gabriele settembre 5, 2013 Politica News No Comments

tares
Scaduta proprio in questi giorni la prima bolletta della TARES, la nuova tassa sui rifiuti. Non merita preoccuparsi troppo il peggio deve ancora venire a dicembre con il conguaglio.
La nuova tassa che va a sostituire la vecchia TIA è probabilmente il provvedimento peggiore introdotto dal Governo Monti.
Non abbiamo timore a definirla in questo modo in quanto questa nuova tassa porta con sé, oltre a un aumento generale della tassazione, un danno ambientale incalcolabile dovuto all’aver minato alla base 20 anni di politiche ambientali.
Pagare il servizio di igiene urbana con una tariffa a totale copertura del servizio (questa la differenza con una tassa) come la TIA e non come una tassa è fondamentale per riuscire a far rispettare il principio, riconosciuto a livello europeo, del “Chi più inquina più paga”.
La TARES oltre a non avere una quota variabile crescente in base ai rifiuti prodotti -ma verranno date delle agevolazioni se rispettata una soglia di svuotamenti massimi- ingloba anche 30centesimi a metro quadro per le abitazioni che in teoria dovrebbero coprire servizi indivisibili quali ad esempio tutela del patrimonio artistico e culturale.
Ancor peggio andrà probabilmente il prossimo anno quando in un unica tassa, Service Tax, verranno inglobate una lunga serie di voci: dai rifiuti, all’IMU, all’illuminazione pubblica, andando a distruggere tutto il buono fatto nel settore rifiuti.
PD e PDL in appoggio al governo Monti prima ed adesso nel governo di coalizione hanno da subito dimostrato di non voler modificare questa tassa nel concetto base di mischiare le carte. I 30centesimi a metro quadro ad esempio sarebbe stato sufficiente rimodularli sull’IMU.
La nostra TARES dell’Empolese-Valdelsa è, se possibile, ancora peggio. Si avrà infatti un aumento del 40% che potrà poi essere recuperato fino ad un 30% qualora i parametri di conferimento vengano rispettati. Un 10% mal che vada per l’ambiente, resteranno comunque.
Ma probabilmente la parte peggiore spetta alle imprese, qui la tassa viene calcolata sulla superficie di produzione, certo non è possibile misurare col metro azienda per azienda e quindi vengono concessi degli sconti sulla superficie totale per tipologia.
Ad esempio sulle falegnamerie da noi sconto 20% mentre a Treviso sconto 45%, carrozzerie 35% da noi e 45% a Treviso, autofficine 30% Empolese-Valdelsa 45% Treviso, tutte le tipologie hanno sconti di 10-20% in meno rispetto a molti esempi in giro per la penisola.
La tassa assume così un carattere recessivo per le nostre imprese che si troveranno a competere con altri soggetti a cui viene concesso uno sconto maggiore.

  

La voce ai cittadini

Gabriele luglio 15, 2013 In Evidenza, Politica News No Comments

questionario 5 stelle instagram
Sempre alla ricerca di costante e proficuo dialogo con il cittadino, il Movimento 5 Stelle dell’Empolese Valdelsa da oggi parte ufficialmente con la campagna “La voce ai cittadini”, iniziativa diretta agli abitanti del territorio e relativa alle problematiche del medesimo.
Campagna di ascolto che si basa sulla distribuzione di questionari relativi agli argomenti principali del M5S nazionale -acqua pubblica, energie alternative, rifiuti, ecc.-, associati ad una valutazione su altre tematiche d’interesse specifico del nostro territorio, quali ad esempio i servizi e le politiche in esso esercitati.
La campagna di ascolto si basa sulla distribuzione, in occasione di eventi locali in tutti i Comuni della nostra area, di questionari che il cittadino può volontariamente compilare. La distribuzione avverrà quindi nel corso del periodo estivo in concomitanza con feste paesane, mercati e attraverso specifiche postazioni nelle piazze o nelle strade principali dei Comuni d’area.

Il questionario è reperibile anche al link www.empoli5stelle.com/questionario .

L’obiettivo è dimostrare in modo fattivo che una politica diversa è possibile e affinché ciò avvenga è indispensabile ascoltare i cittadini mettendoli in condizioni di partecipare alle decisioni e di esprimere al meglio le loro esigenze.
Ai politici normalmente non interessa l’opinione dei cittadini, di cui ci si dimentica fino alle elezioni. Invece con questa campagna si vuol dar voce, volutamente in periodo extra-elettorale, alle loro esigenze e chiamare l’amministrazione a dare risposte concrete e a prendere impegni precisi con loro.
Le informazioni raccolte saranno quindi il punto di partenza del futuro programma amministrativo partecipativo dell’area con la speranza che forme di partecipazione come questa vengano istituzionalizzate.

  

Forum

Entra nel forum del Movimento 5 Stelle dell'Empolese Valdelsa.

Iscriviti alla Newsletter:

Loading...Loading...


Questionario 5 Stelle

Il MoVimento 5 Stelle è completamente autofinanziato dai suoi sostenitori
Scarica il programma del Movimento 5 Stelle
l'ArchiVio - Tutti gli Atti del Comune e la Rassegna Stampa

Versione Mobile



RSS Beppe Grillo Post

  • Diretta da Cagliari: Equitalia, questa volta paghi tu!
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Quante volte vi è capitato? Un ente statale, dall'agenzia delle entrate passando per il comune, dall' INPS fino all'Università, vi scrivono per chiedervi dei soldi. Importi non pagati, presunti tali, alle volte giusti, ma con interessi sballati. Ogni volta un tuffo al cuore. Se devi pagare tu, loro pretendono che sia […]
  • Renzie il depenalizzatore
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Profondo sconforto delle forze dell’ordine per la depenalizzazione dei reati minori: umiliati cittadini e poliziotti! Riuscite ad immaginare lo sconforto da parte degli operatori di Polizia - dichiara il segretario nazionale della Consap Giorgio Innocenzi - a seguito di questo provvedimento di depenalizzazione? Provate un attimo ad immaginare come dobbiamo sentirci […]
  • Sindaco di Trani: arrestato #TuttiInGalera
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); Lo slogan del M5S era solo un anno e mezzo fa "Tutti a casa", ora va aggiornato con "Tutti in galera". La corruzione a livello di amministrazioni locali è diventata endemica, per diventare amministratore devi superare le prove di ladrocinio della cosa pubblica. Una ciliegia tira l'altra, come le bustarelle, e […]
Italian Bloggers BlogItalia - La directory italiana dei blog

Flash news dal mondo

Più di mille impianti pericolosi in Italia, ma la gente non lo sa

30 gen 2013

impianto

Un nuovo studio effettuato da Legambiente mette a nudo la disorganizzazione dell’Italia. Non che ci sorprendano tali dati, ma nemmeno pensavamo a casi di queste proporzioni. Il numero chiave oggi è 1.100, ed è il numero di impianti industriali che sono potenzialmente bombe pronte ad esplodere, con conseguenze anche peggiori …

Pirogassificatore: Perché la regione impugna la sentenza del TAR?

29 gen 2013

scarselli_luca

Apprendiamo con immenso sdegno che la Regione Toscana ha impugnato la sentenza del T.A.R. Toscana che nel dicembre scorso aveva annullato l’autorizzazione per l’impianto di incenerimento rifiuti di Castelfranco di Sotto Non comprendiamo questo “accanimento terapeutico” in favore di due società private. Il caro presidente Rossi deve oramai rispondere a …

Flash news da Empoli

«No all’inceneritore di Fibbiana», centinaia di adesioni al comitato

9 gen 2014

soa fibbiana

Cittadini contro Comune e Colorobbia che vuole realizzare un impianto per produrre energia dai rifiuti «Preoccupati per l’ambiente e la nostra salute». Oggi incontro pubblico in municipio a Montelupo MONTELUPO. Un comitato per dire No all’inceneritore di Fibbiana. È quello a cui hanno dato vita nelle ultime ore un gruppo …

Morire di lavoro

Luigi Rossi, 15 anni, Sparanise (Caserta)

27 set 2011

La vittima, Francesco Rossi, studente di un istituto professionale di Vairano promosso al secondo anno di studi, ha perso la vita rimanendo schiacciato sotto il trattore di proprietà del padre Luigi. Il quale, dopo l’incidente, in evidente stato di choc non è stato però in gradi di ricostruire per filo …

Commenti recenti

  • ANGELA GERARDA FASULO: La legge sulla sicurezza rappresenterà una vera salvezza per...
  • Johna833: Yeah bookmaking this wasn't a risky conclusion outstanding p...
  • runespirit: I dati degli ultimi 5 anni sarebbero piu interessanti....
  • Massimo: Sono un genitore di una alunna che frequenta l'Enriques a Ca...
  • chiara: Le donne dovrebbero imparare ad essere donne, a rendersi con...
  • Nicoal: Se c'è una minima volontà di fare un inceneritore nella zona...
  • Gabriele: Per commenti positivi di donne sulla coppetta puoi andare su...