Home » Articolo:

Sanità

Legislazione

Il SSN nasce nel 1978 con Legge 833, che attua il principio dell’uguaglianza di accesso alle prestazioni mediche per tutti i Cittadini (non solo curare ma prevenire e riabilitare), come affermato nell’art. 32 della Costituzione Italiana, che riconosce il diritto alla salute come diritto dei singoli e interesse della collettività e impone allo Stato la realizzazione di questo obiettivo. L’Italia è uno dei pochi paesi al mondo che può vantare un sistema sanitario pubblico ad accesso universale (fonte l’OMS: secondo al mondo in una scala di qualità) . Un cambiamento si è poi avuto con il federalismo (Titolo V, referendum confermativo del 7/10/2001) che attribuisce alle Regioni la responsabilità e i poteri decisionali sulle leggi di spesa in alcune materie tra cui la Sanità. Nonostante per noi il SSN sia l’unica soluzione di gestione della salute possibile, lontana da ogni privatizzazione, spesso fenomeni di malasanità hanno dimostrato palesemente come la classe dirigente di alcune regioni sia incapace di gestire un sistema sanitario. Per questo ci impegneremo per avere un ruolo attivo, come Comune, nel controllo dell’ assistenza ambulatoriale,
domiciliare e ospedaliera, delle prenotazioni, della qualità del servizio e della velocizzazione dei rimborsi dovuti al sistema sanitario regionale per prestazioni erogate a Cittadini esterni.

Punti chiave:

  • Farmaci, diritti, prevenzione e educazione
  • Promuovere l’uso di farmaci generici e fuori brevetto, equivalenti e meno costosi rispetto ai farmaci “di marca”
  • Avviare un programma di educazione sanitaria indipendente rivolta alla popolazione sul corretto uso dei farmaci, sui loro rischi e benefici
  • Informare il Cittadini sul sistema SSN e doveri che ha nei nostri confronti
  • Promuovere stili di vita salutari, scelte di consumo il più possibile consapevoli ed adeguate a sviluppare l’autogestione della salute, promovendo l’automedicazione, e il primo soccorso, dalle scuole ai consultori ai dipendenti statali
  • Fare con campagne mirate di informazione per la prevenzione
  • Controlli, misura della qualità, della sicurezza in ambiente lavorativo, salute dell’ambiente
  • Controllo capillare di tutta la filiera della prevenzione anche su ogni luogo di lavoro (Rls compresi), sanzionando duramente ogni infrazione
  • Allestire un sistema di misurazione della qualità degli interventi negli ospedali
  • Informare i Cittadini quotidianamente dei livelli di inquinamento atmosferico, fornendo dati dettagliati sui singoli inquinanti, favorendo l’accessibilità ai dati utilizzando tutte le risorse tecnologiche a disposizione.
  • Implementazione dei display stradali con i dati dei maggiori inquinanti atmosferici cancerogeni certi, relativo stato dell’aria e numeri telefonici utili
  • Ribadiamo l’improrogabile necessità di potenziare in risorse e organici il dipartimento di prevenzione dell’ASL di Empoli per prevenire più possibile le morti sul lavoro
  • Assistenza del Cittadino
  • Potenziamento dei distretti socio sanitari per incrementare l’assistenza domiciliare
  • Costruire centri di cura ed assistenza per malati di Alzheimer, case di cura anche di lunga degenza e comunità di recupero per ogni forma di tossicodipendenza
  • Istituire un punto di prevenzione ed educazione sulle malattie sessualmente trasmissibili (non solo AIDS)
  • Organizzazione
  • Concordare con le direzioni delle aziende sanitarie l’incremento degli orari di visita, in ordine all’abbattimento dei tempi di attesa
  • Rendere più semplificato il sistema di prenotazione e ritiro del referto anche on-line
  • Creare punti di informazione e di assistenza a tutela del Cittadino anche a livello comunale e mediante il Difensore Civico
  • Adottare un diverso sistema di approvvigionamento di materie prime alimentari, privilegiando quelle provenienti da una filiera corta e di qualità, finalizzato al miglioramento delle caratteristiche del ricovero

  

Forum

Entra nel forum del Movimento 5 Stelle dell'Empolese Valdelsa.

Iscriviti alla Newsletter:

Loading...Loading...


Questionario 5 Stelle

Il MoVimento 5 Stelle è completamente autofinanziato dai suoi sostenitori
Scarica il programma del Movimento 5 Stelle
l'ArchiVio - Tutti gli Atti del Comune e la Rassegna Stampa

Versione Mobile



RSS Beppe Grillo Post

  • Passaparola: Mussolini non ha ucciso Matteotti, Arrigo Petacco
    Il Caso Matteotti07:00googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); Arrigo Petacco- Buongiorno cari amici, io sono Arrigo Petacco e sono stato invitato a parlare, per il vostro blog, di un caso molto clamoroso, anche essere un po’ vecchio: il caso Matteotti e vi dico la mia opinione. Blog- Un momento di svolta del fascismo fu il delitto Matteotti […]
  • Il partito dell'astensione
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); In Emilia Romagna ha vinto l'astensionismo, il rigetto del cittadino per la politica. In una regione in cui chi compra con i soldi pubblici un vibratore (o si fa spesare lo scontrino per andare a pisciare in un Autogrill e non se ne vergogna) dove si torna a votare non per […]
  • Gli interessi sul debito smantellano lo Stato Sociale #fuoridalleuro
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Negli ultimi 30 anni l’Italia ha pagato ben 3.100 miliardi di interessi sul debito! 100 miliardi da pagare solo nel 2015. Pensateci: tutti i soldi delle vostre tasse, anziché venir spesi per scuole, strade ed ospedali finiscono in questo buco nero. E sarà sempre peggio, fino allo smantellamento definitivo dello Stato […]
Italian Bloggers BlogItalia - La directory italiana dei blog

Flash news dal mondo

Più di mille impianti pericolosi in Italia, ma la gente non lo sa

30 gen 2013

impianto

Un nuovo studio effettuato da Legambiente mette a nudo la disorganizzazione dell’Italia. Non che ci sorprendano tali dati, ma nemmeno pensavamo a casi di queste proporzioni. Il numero chiave oggi è 1.100, ed è il numero di impianti industriali che sono potenzialmente bombe pronte ad esplodere, con conseguenze anche peggiori …

Pirogassificatore: Perché la regione impugna la sentenza del TAR?

29 gen 2013

scarselli_luca

Apprendiamo con immenso sdegno che la Regione Toscana ha impugnato la sentenza del T.A.R. Toscana che nel dicembre scorso aveva annullato l’autorizzazione per l’impianto di incenerimento rifiuti di Castelfranco di Sotto Non comprendiamo questo “accanimento terapeutico” in favore di due società private. Il caro presidente Rossi deve oramai rispondere a …

Flash news da Empoli

«No all’inceneritore di Fibbiana», centinaia di adesioni al comitato

9 gen 2014

soa fibbiana

Cittadini contro Comune e Colorobbia che vuole realizzare un impianto per produrre energia dai rifiuti «Preoccupati per l’ambiente e la nostra salute». Oggi incontro pubblico in municipio a Montelupo MONTELUPO. Un comitato per dire No all’inceneritore di Fibbiana. È quello a cui hanno dato vita nelle ultime ore un gruppo …

Morire di lavoro

Luigi Rossi, 15 anni, Sparanise (Caserta)

27 set 2011

La vittima, Francesco Rossi, studente di un istituto professionale di Vairano promosso al secondo anno di studi, ha perso la vita rimanendo schiacciato sotto il trattore di proprietà del padre Luigi. Il quale, dopo l’incidente, in evidente stato di choc non è stato però in gradi di ricostruire per filo …

Commenti recenti

  • ANGELA GERARDA FASULO: La legge sulla sicurezza rappresenterà una vera salvezza per...
  • Johna833: Yeah bookmaking this wasn't a risky conclusion outstanding p...
  • runespirit: I dati degli ultimi 5 anni sarebbero piu interessanti....
  • Massimo: Sono un genitore di una alunna che frequenta l'Enriques a Ca...
  • chiara: Le donne dovrebbero imparare ad essere donne, a rendersi con...
  • Nicoal: Se c'è una minima volontà di fare un inceneritore nella zona...
  • Gabriele: Per commenti positivi di donne sulla coppetta puoi andare su...