Home » Politica News » Articolo:

Scuola elementare Don Bosco parte II

Gabriele marzo 5, 2012 Politica News No Comments

Torniamo a visitare la nuova scuola elementare Don Bosco di Ponte a Elsa. Nella nostra precedente visita risalente ormai a due anni fa, avevamo trovato una situazione di forte degrado e incuria soprattutto considerando il fatto che la scuola aveva solo pochi mesi di vita: umidità praticamente ovunque, bagni che si allagavano, un giardino con l’erba incolta, l’assenza di tende ed apparecchiature di vario genere.
Adesso dopo due anni la situazione è per certi aspetti peggiorata. Entrando nel nuovo plesso si respira un’aria viziata ed umida, i bagni emettono un cattivo odore di fognatura, ma il problema principale è l’umidità che è ovunque all’esterno ed all’interno dell’edificio che, lo ricordiamo, è stato inaugurato a settembre 2009.
L’intero plesso è costato 1.390.000€ e comprende anche una palestra per l’attività motoria dei bambini che però è staccata dalle aule e non collegata da un passaggio coperto cosa che la rende quasi inutilizzabile nei mesi invernali, specie se di forte freddo come questo inverno.
L’edificio soffre di carenze progettuali e costruttive strutturali, le aule sono esposte a sud in pieno sole e volgono tutte verso il muro in cemento armato alto 10 metri della palestra, ma soprattutto manca un adeguato spazio di uscita sia per gli scuolabus sia per i genitori che devono riprendere i figli all’uscita, che in pratica avviene nel poco spazio tra la strada ed il cancello.
Carenze congenite quindi, ma anche poca propensione dell’amministrazione a risolvere quei problemi di più immediata risoluzione. Abbastanza sintomatico il fatto che la tenda dell’aula informatica, recuperata dal vicino Circolo Arci, il cui bastone è stato acquistato dai genitori tramite una colletta attenda da novembre di essere installata.

  

Commenta questo articolo:







Forum

Entra nel forum del Movimento 5 Stelle dell'Empolese Valdelsa.

Iscriviti alla Newsletter:

Loading...Loading...


Questionario 5 Stelle

Il MoVimento 5 Stelle è completamente autofinanziato dai suoi sostenitori
Scarica il programma del Movimento 5 Stelle
l'ArchiVio - Tutti gli Atti del Comune e la Rassegna Stampa

Versione Mobile



RSS Beppe Grillo Post

  • Se l'Italia esce dall'Euro #fuoridalleuro
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); Vignetta di Arend van Dam Un articolo di Jacques Sapir che ci riguarda da vicino prefigura quel di cui ormai tutti parlano (anche quelli che lo fanno solo a porte chiuse…) e che appare come inevitabile: un’uscita dell’Italia dall’euro entro la primavera prossima. Ma lungi dall’essere una catastrofe per il nostro […]
  • I soldi ci sono, ma solo per l'Expo
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Non trovano i soldi per i malati con disabilità gravi e gravissime, non trovano i soldi per i nostri giovani disoccupati, non trovano i soldi per dare delle agevolazioni fiscali alle start-up, non trovano i soldi per abolire l'Irap alle microimprese, non trovano i soldi per i quota 96, non trovano […]
  • Giacomelli contro i sordi
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Immaginate di tornare a casa un giorno, accendere la tv e non poter ascoltare l'audio di un film o un tg, o se siete dei bambini non capire un telefilm isolati da un muro di silenzio. E se la cosa si ripetesse anche l'indomani, e il giorno dopo ancora? Questo è […]
Italian Bloggers BlogItalia - La directory italiana dei blog

Flash news dal mondo

Più di mille impianti pericolosi in Italia, ma la gente non lo sa

30 gen 2013

impianto

Un nuovo studio effettuato da Legambiente mette a nudo la disorganizzazione dell’Italia. Non che ci sorprendano tali dati, ma nemmeno pensavamo a casi di queste proporzioni. Il numero chiave oggi è 1.100, ed è il numero di impianti industriali che sono potenzialmente bombe pronte ad esplodere, con conseguenze anche peggiori …

Pirogassificatore: Perché la regione impugna la sentenza del TAR?

29 gen 2013

scarselli_luca

Apprendiamo con immenso sdegno che la Regione Toscana ha impugnato la sentenza del T.A.R. Toscana che nel dicembre scorso aveva annullato l’autorizzazione per l’impianto di incenerimento rifiuti di Castelfranco di Sotto Non comprendiamo questo “accanimento terapeutico” in favore di due società private. Il caro presidente Rossi deve oramai rispondere a …

Flash news da Empoli

«No all’inceneritore di Fibbiana», centinaia di adesioni al comitato

9 gen 2014

soa fibbiana

Cittadini contro Comune e Colorobbia che vuole realizzare un impianto per produrre energia dai rifiuti «Preoccupati per l’ambiente e la nostra salute». Oggi incontro pubblico in municipio a Montelupo MONTELUPO. Un comitato per dire No all’inceneritore di Fibbiana. È quello a cui hanno dato vita nelle ultime ore un gruppo …

Morire di lavoro

Luigi Rossi, 15 anni, Sparanise (Caserta)

27 set 2011

La vittima, Francesco Rossi, studente di un istituto professionale di Vairano promosso al secondo anno di studi, ha perso la vita rimanendo schiacciato sotto il trattore di proprietà del padre Luigi. Il quale, dopo l’incidente, in evidente stato di choc non è stato però in gradi di ricostruire per filo …

Commenti recenti

  • ANGELA GERARDA FASULO: La legge sulla sicurezza rappresenterà una vera salvezza per...
  • Johna833: Yeah bookmaking this wasn't a risky conclusion outstanding p...
  • runespirit: I dati degli ultimi 5 anni sarebbero piu interessanti....
  • Massimo: Sono un genitore di una alunna che frequenta l'Enriques a Ca...
  • chiara: Le donne dovrebbero imparare ad essere donne, a rendersi con...
  • Nicoal: Se c'è una minima volontà di fare un inceneritore nella zona...
  • Gabriele: Per commenti positivi di donne sulla coppetta puoi andare su...