Home » La moViola » Articolo:

La MoViola: Agonismo vs. amatorialità

Riccardo dicembre 22, 2011 La moViola 1 Comment


Quando si parla di sport, non solo di calcio, si suol inquadrarlo in una dicotomia: da una parte ci sarebbe lo sport agonistico, la cui massima espressione è il professionismo; e dall’altra lo sport come hobby, ergo lo sport amatoriale.
Tuttavia questa distinzione a me appare superabile, dal momento in cui in entrambe le situazioni si presuppone una serietà: la serietà dello sportivo.
Nel calcio UISP vediamo di tutto: chi non ha nemmeno gli elementi basici della tecnica, chi non sa stare in campo, chi non arriva puntuale alle convocazioni, chi salta -senza preavviso e/o giusta causa- allenamenti ed addirittura partite, chi si presenta a giocare con la sbornia della sera precedente, ecc.
Bene, tutti questi fattori denotano la poca serietà dei protagonisti di una determinata disciplina. È chiaro che, trattandosi di un’attività di svago, un minimo di rilassatezza e tolleranza siano consentite, ma solo un minimo. Perché lo sport, come la Società, ha delle regole e chi non le rispetta non solo danneggia se stesso, ma anche la società di cui fa parte.
Il problema è quando questa scarsa serietà parzialmente tollerabile nell’ambito di uno sport amatoriale si sposta vuoi allo sport agonistico, vuoi, cosa ancor più grave, agli ambiti non sportivi, quali il lavoro, i rapporti interpersonali, la famiglia, ecc.
L’Italia è sull’orlo del baratro e le cause di ciò sono molte: dalla disonestà come marchio antropologico italico alla mera incapacità di chi comanda. Ma c’è un altro fattore assai grave di cui non sento parlar troppo: la mancanza di serietà. La maggioranza delle persone che conosco sinceramente non è seria e di conseguenza non è né professionale, né competitiva.
Esistono, è vero, nel calcio come nella vita, i Maradona: quelli talmente bravi che si possono permettere di far tardi la sera, saltare gli allenamenti ed esser comunque importanti. Ma la maggioranza di noi, nella migliore delle ipotesi, non è che un rincalzo, un gregario, una docile fibra dell’universo, citando Ungaretti, che non è di peso alla Società, solo se è umile, se si comporta con serietà, allenandosi e lavorando con gli altri e per gli altri. Anche l’amore, di cui l’amatorialità è etimo, è una cosa seria…

  

Commenti is "1 commento" su questo articolo:

  1. salvatore scrive:

    sarebbe interessante fare un parallelismo tra i politici che percepiscono 14.000 euro mensili e quelli delle liste civiche che fanno tutto “aggratis”. Essere degli amatori non significa automaticamente essere poco seri, pur avendo risultati diversi tutti dovrebbero mettere il medesimo impegno e dedizione ma non è facile conciliare il tempo impiegato con la politica (quindi nel tempo libero) e quello per il lavoro, la famiglia e gli amici.

Commenta questo articolo:







Forum

Entra nel forum del Movimento 5 Stelle dell'Empolese Valdelsa.

Iscriviti alla Newsletter:

Loading...Loading...


Questionario 5 Stelle

Il MoVimento 5 Stelle è completamente autofinanziato dai suoi sostenitori
Scarica il programma del Movimento 5 Stelle
l'ArchiVio - Tutti gli Atti del Comune e la Rassegna Stampa

Versione Mobile



RSS Beppe Grillo Post

  • Diretta da Cagliari: Equitalia, questa volta paghi tu!
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Quante volte vi è capitato? Un ente statale, dall'agenzia delle entrate passando per il comune, dall' INPS fino all'Università, vi scrivono per chiedervi dei soldi. Importi non pagati, presunti tali, alle volte giusti, ma con interessi sballati. Ogni volta un tuffo al cuore. Se devi pagare tu, loro pretendono che sia […]
  • Renzie il depenalizzatore
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Profondo sconforto delle forze dell’ordine per la depenalizzazione dei reati minori: umiliati cittadini e poliziotti! Riuscite ad immaginare lo sconforto da parte degli operatori di Polizia - dichiara il segretario nazionale della Consap Giorgio Innocenzi - a seguito di questo provvedimento di depenalizzazione? Provate un attimo ad immaginare come dobbiamo sentirci […]
  • Sindaco di Trani: arrestato #TuttiInGalera
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); Lo slogan del M5S era solo un anno e mezzo fa "Tutti a casa", ora va aggiornato con "Tutti in galera". La corruzione a livello di amministrazioni locali è diventata endemica, per diventare amministratore devi superare le prove di ladrocinio della cosa pubblica. Una ciliegia tira l'altra, come le bustarelle, e […]
Italian Bloggers BlogItalia - La directory italiana dei blog

Flash news dal mondo

Più di mille impianti pericolosi in Italia, ma la gente non lo sa

30 gen 2013

impianto

Un nuovo studio effettuato da Legambiente mette a nudo la disorganizzazione dell’Italia. Non che ci sorprendano tali dati, ma nemmeno pensavamo a casi di queste proporzioni. Il numero chiave oggi è 1.100, ed è il numero di impianti industriali che sono potenzialmente bombe pronte ad esplodere, con conseguenze anche peggiori …

Pirogassificatore: Perché la regione impugna la sentenza del TAR?

29 gen 2013

scarselli_luca

Apprendiamo con immenso sdegno che la Regione Toscana ha impugnato la sentenza del T.A.R. Toscana che nel dicembre scorso aveva annullato l’autorizzazione per l’impianto di incenerimento rifiuti di Castelfranco di Sotto Non comprendiamo questo “accanimento terapeutico” in favore di due società private. Il caro presidente Rossi deve oramai rispondere a …

Flash news da Empoli

«No all’inceneritore di Fibbiana», centinaia di adesioni al comitato

9 gen 2014

soa fibbiana

Cittadini contro Comune e Colorobbia che vuole realizzare un impianto per produrre energia dai rifiuti «Preoccupati per l’ambiente e la nostra salute». Oggi incontro pubblico in municipio a Montelupo MONTELUPO. Un comitato per dire No all’inceneritore di Fibbiana. È quello a cui hanno dato vita nelle ultime ore un gruppo …

Morire di lavoro

Luigi Rossi, 15 anni, Sparanise (Caserta)

27 set 2011

La vittima, Francesco Rossi, studente di un istituto professionale di Vairano promosso al secondo anno di studi, ha perso la vita rimanendo schiacciato sotto il trattore di proprietà del padre Luigi. Il quale, dopo l’incidente, in evidente stato di choc non è stato però in gradi di ricostruire per filo …

Commenti recenti

  • ANGELA GERARDA FASULO: La legge sulla sicurezza rappresenterà una vera salvezza per...
  • Johna833: Yeah bookmaking this wasn't a risky conclusion outstanding p...
  • runespirit: I dati degli ultimi 5 anni sarebbero piu interessanti....
  • Massimo: Sono un genitore di una alunna che frequenta l'Enriques a Ca...
  • chiara: Le donne dovrebbero imparare ad essere donne, a rendersi con...
  • Nicoal: Se c'è una minima volontà di fare un inceneritore nella zona...
  • Gabriele: Per commenti positivi di donne sulla coppetta puoi andare su...