Gli indicatori ambientali urbani ISTAT per il 2010

Gabriele agosto 16, 2011 Notizie dal mondo No Comments

I dati, relativi ai comuni capoluogo di provincia, sono disponibili in serie storica dal 2000 al 2010. I 116 capoluoghi di provincia oggetto di studio, in cui risiede circa il 30% della popolazione totale del Paese (quasi 18 milioni di persone), coprono circa il 7% della superficie italiana.

L’Istat ha presentato i risultati della rilevazione sugli indicatori ambientali urbani, che ha coinvolto in particolare gli uffici statistica dei comuni, che oltre a fornire i dati in proprio possesso svolgono una funzione di coordinamento per informazioni provenienti da altri soggetti: le agenzie regionali di protezione ambientale, le aziende che gestiscono i servizi di raccolta dei rifiuti, di distribuzione dell’acqua e dell’energia, ecc.
Torna a crescere la quantità pro capite di rifiuti urbani
Nel 2010 la raccolta dei rifiuti urbani nei 116 comuni capoluogo di provincia è risultata pari a 609,5 kg per abitante. Dopo tre anni di andamento decrescente nel 2010 i valori pro capite sono tornati a crescere (+0,9%). Nello stesso anno la quota percentuale della raccolta differenziata, sul totale dei rifiuti urbani, è stata pari al 31,7%, in aumento di 1,4 punti percentuali sull’anno precedente (Figura 1).
Quantità di rifiuti urbani maggiori di 800 kg per abitante sono raccolte nei comuni di Olbia (1.278,8 kg per abitante), Massa (886,1), Rimini (878,1), Forlì (851,7), Pisa (836,3), Ravenna (818,9), Prato (811,7) e Lucca (808,8). Fra questi, l’unico che registra una diminuzione rispetto al 2009 è Prato (- 1,3%).
Figura 1
Prosegue la contrazione dei consumi di acqua
Nel 2010 il consumo di acqua per uso domestico, riferito al complesso dei 115 comuni capoluogo di provincia1 è stato pari a 66,7 m3 per abitante2, in diminuzione dell’1,9% rispetto al 2009 (Figura 5). La contrazione dei consumi di acqua, che si osserva ormai da nove anni, testimonia una maggiore attenzione all’utilizzo della risorsa idrica e ai relativi costi.
Nell’anno in esame, solo 27 comuni presentano un livello di consumo superiore alla media, e di questi solo tre hanno anche consumi in crescita rispetto al 2009: Udine (+1,4%), Catania (+1,3%) e Massa (+1%). Nel 2010 sono ben 97 i comuni in cui si registra un calo percentuale.
Figura 5

Migliora la valutazione sulla qualità dell’aria
Alla fine del 2010 continua a diminuire, nei comuni ove il PM10 è monitorato, il numero medio di superamenti del valore limite per la protezione della salute umana, attestandosi a 44,6 giorni, dai 54,1 giorni registrati nel 2009. Hanno contribuito alla riduzione sia fattori meteo-climatici, sia la maggiore diffusione di auto meno inquinanti, la limitazione della circolazione in molti comuni, nonché le modifiche apportate dalle amministrazioni comunali alla viabilità urbana.
I giorni di superamento dei limiti, per il particolato con diametro minore di 10 μm, si riducono nel 2010 anche nelle città con più di 250 mila abitanti. Tra le città con riduzioni dei giorni di superamento, Napoli registra 75 giornate in meno rispetto al 2009, Genova 39, Bari 38, Roma 28 giornate, Verona 23, Firenze 22, Milano 21, Torino 20 e Catania 16. Tra le grandi città in controtendenza figurano Bologna (+13 giornate), Venezia (+7) e Palermo (+3) (Figure 8 e 9). Da segnalare comunque che Genova, Catania e Bari non oltrepassano la soglia dei 35 superamenti annui.
Figura 8
Peggiora l’inquinamento acustico
Nel 2010 sono aumentati i superamenti dei limiti di inquinamento acustico riscontrati nei monitoraggi comunali, pari a 5,0 ogni 100 mila abitanti, rispetto ai 4,4 del 2009. Infatti, nonostante nel 2010 siano state effettuate 8,7 campagne di controllo ogni 100 mila abitanti (in diminuzione di 1,5 punti rispetto ai 10,2 controlli del 2009), il superamento dei limiti previsti dalla normativa è stato registrato nel 57,2% dei casi rispetto al 42,8% del 2009.
Tra le città che effettuano i controlli, quelle con il maggior numero di campagne di monitoraggio con superamento dei limiti acustici nel 2010 sono: Lecco (62,6 casi ogni 100 mila abitanti), Firenze (30), Catanzaro (26), Foggia (23) e Cremona (22). Nel 2009 tra le città più rumorose, con 41 superamenti ogni 100 mila abitanti, compariva anche la città di Frosinone, che nel 2010 ne ha rimosso le cause anche se non ha effettuato ulteriori monitoraggi di conferma. Nelle campagne di controllo dell’inquinamento acustico sono compresi anche i rilevamenti effettuati dalle Agenzie regionali per la protezione dell’ambiente (Arpa) su richiesta dei comuni, molto spesso sollecitati dai cittadini. L’86% dei controlli effettuati nel 2010 sono, infatti, seguiti a esposti dei cittadini, mentre i rimanenti sono stati richiesti dagli organi istituzionali.
Alla fine del 2010 sono 74 i comuni capoluogo di provincia che hanno approvato la zonizzazione acustica del territorio comunale8.
Tasso di motorizzazione elevato quasi ovunque
Nel 2010 il tasso di motorizzazione (numero di autovetture per mille abitanti) dei comuni capoluogo di provincia è pari a 614,8, con un aumento dello 0,6% rispetto all’anno precedente e una variazione media annua, nel periodo 2000-2010, dello 0,1%. Nei rimanenti comuni italiani tale indicatore si attesta a un livello inferiore (602,5), ma la crescita sul 2009 è la stessa (+0,6%). Nel corso degli anni si è osservato un crescente uso di motocicli, il cui numero per mille abitanti è, nel 2010, per il complesso dei comuni capoluogo di provincia, pari a 130,7 (+2,4% sul 2009).
Stabile la percentuale di verde urbano
Nel 2010 la densità di verde urbano12 (percentuale di verde pubblico sulla superficie comunale), relativa al complesso dei comuni capoluogo di provincia, risulta pari al 9,3%, sostanzialmente stabile rispetto al 2009 (+0,03 punti percentuali). Il verde urbano fa riferimento al patrimonio di aree verdi o terrestri di particolare interesse gestito, direttamente o indirettamente, da enti pubblici ed esistente nel territorio comunale. Valori elevati degli indicatori sono, in generale, da imputare alla presenza nel territorio comunale di vasti parchi naturali, zone boscose, aree protette e riserve naturali.
Per chi vuole approfondire:

File PDF

 

Fonte:Arpatnews

  

Tanti Pinocchio

Francesco C. agosto 16, 2011 Interrogazioni 2 Comments

L’annuncio dell’abbattimento degli alberi in Via Masini non è una di quelle notizie che ci rendono felici, né come cittadini empolesi né come gruppo politico. Vorremmo fare alcune riflessioni su questa decisione della Giunta, presa (legittimamente) in assoluta autonomia dal resto del Consiglio Comunale, e che pensiamo essere definitiva.
La percorribilità del manto stradale, effettivamente disastrata, necessita di una soluzione e l’aspetto di alcuni alberi, non tutti, è chiaramente pericoloso. Se ne deduce che il Comune ha pensato di risolvere questa situazione.
La prima considerazione è che si è aspettato fin troppo: su questo sono evidenti le colpe delle precedenti amministrazioni che, tergiversando come su altre situazioni sospese della città, ricadono su chi si sta prendendo la briga di risolvere.
In secondo luogo l’onore e l’onere di governare non significa però intervenire senza ascoltare il parere dei cittadini e delle altre forze politiche che, forse, avrebbero potuto presentare altre soluzioni.
Comprendiamo che la decisione arriva dopo la consultazione e il parere degli esperti in materia ma, prima di abbattere e modificare per sempre l’aspetto di una delle principali strade della città, sarebbe forse opportuno sottoporre un nuovo progetto della via, indicandone quanti e quali alberi saranno inseriti a sostituzione dei pini abbattuti con lo stanziamento contestuale dei fondi necessari.
In questi casi laddove si va ad abbattere il verde pubblico, l’azione più semplice è compensare con nuovi alberi in quantità superiore a quelli tagliati, cosa che ci auguriamo avvenga al più presto.
Se tutto questo non è stato fatto ci viene da pensare che non ci sia la reale volontà di mantenere l’alberatura su questa via, oppure che si navighi a vista senza un progetto definito.
La nostra azione non può che essere quella di sollecitare una risposta da parte del Sindaco e della Giunta attraverso un’interrogazione che presenteremo al prossimo Consiglio Comunale.

Testo completo interrogazione

 

  

Forum

Entra nel forum del Movimento 5 Stelle dell'Empolese Valdelsa.

Iscriviti alla Newsletter:

Loading...Loading...


Questionario 5 Stelle

Il MoVimento 5 Stelle è completamente autofinanziato dai suoi sostenitori
Scarica il programma del Movimento 5 Stelle
l'ArchiVio - Tutti gli Atti del Comune e la Rassegna Stampa

Versione Mobile



RSS Beppe Grillo Post

  • Il fango de La Stampa sul M5S
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Il pittoresco articolo pubblicato questa mattina da La Stampa, dal titolo "Strasburgo, macchina con autista. Il benefit segreto dei grillini", ha come unico scopo quello di gettare fango sulla delegazione del Movimento 5 Stelle in Europa. Nell'articolo si descrivono gli eurodeputati del M5S come grandi utilizzatori di fantomatiche "auto blu" per […]
  • L'industria italiana va in malora
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "La debolezza della domanda interna penalizza ancora una volta i ricavi dell'industria. Il fatturato di agosto, che pure rimbalza dello 0,4% su base mensile destagionalizzata, cede oltre due punti nel confronto annuo. Un calo del 2,3% determinato interamente dalla riduzione delle vendite sul mercato interno (-4,4%), mentre l'export continua a mantenere […]
  • #Fuoridalleuro: O sovranità monetaria o default
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); Gli interessi sul debito pubblico stanno ammazzando il Paese e smantellando lo Stato Sociale. Gli interessi passivi annui sul debito pubblico sono destinati ad aumentare e a raggiungere quota 100 miliardi nel 2015. Dai 78 miliardi pagati dallo Stato per finanziare il proprio debito nel 2011 si passa agli 89 nel […]
Italian Bloggers BlogItalia - La directory italiana dei blog

Flash news dal mondo

Più di mille impianti pericolosi in Italia, ma la gente non lo sa

30 gen 2013

impianto

Un nuovo studio effettuato da Legambiente mette a nudo la disorganizzazione dell’Italia. Non che ci sorprendano tali dati, ma nemmeno pensavamo a casi di queste proporzioni. Il numero chiave oggi è 1.100, ed è il numero di impianti industriali che sono potenzialmente bombe pronte ad esplodere, con conseguenze anche peggiori …

Pirogassificatore: Perché la regione impugna la sentenza del TAR?

29 gen 2013

scarselli_luca

Apprendiamo con immenso sdegno che la Regione Toscana ha impugnato la sentenza del T.A.R. Toscana che nel dicembre scorso aveva annullato l’autorizzazione per l’impianto di incenerimento rifiuti di Castelfranco di Sotto Non comprendiamo questo “accanimento terapeutico” in favore di due società private. Il caro presidente Rossi deve oramai rispondere a …

Flash news da Empoli

«No all’inceneritore di Fibbiana», centinaia di adesioni al comitato

9 gen 2014

soa fibbiana

Cittadini contro Comune e Colorobbia che vuole realizzare un impianto per produrre energia dai rifiuti «Preoccupati per l’ambiente e la nostra salute». Oggi incontro pubblico in municipio a Montelupo MONTELUPO. Un comitato per dire No all’inceneritore di Fibbiana. È quello a cui hanno dato vita nelle ultime ore un gruppo …

Morire di lavoro

Luigi Rossi, 15 anni, Sparanise (Caserta)

27 set 2011

La vittima, Francesco Rossi, studente di un istituto professionale di Vairano promosso al secondo anno di studi, ha perso la vita rimanendo schiacciato sotto il trattore di proprietà del padre Luigi. Il quale, dopo l’incidente, in evidente stato di choc non è stato però in gradi di ricostruire per filo …

Commenti recenti

  • ANGELA GERARDA FASULO: La legge sulla sicurezza rappresenterà una vera salvezza per...
  • Johna833: Yeah bookmaking this wasn't a risky conclusion outstanding p...
  • runespirit: I dati degli ultimi 5 anni sarebbero piu interessanti....
  • Massimo: Sono un genitore di una alunna che frequenta l'Enriques a Ca...
  • chiara: Le donne dovrebbero imparare ad essere donne, a rendersi con...
  • Nicoal: Se c'è una minima volontà di fare un inceneritore nella zona...
  • Gabriele: Per commenti positivi di donne sulla coppetta puoi andare su...