Quel che nessuno dice su TIVUSAT, la nuova piattaforma RAI-SET

Gabriele agosto 15, 2009 Notizie dal mondo No Comments

Dal 1° agosto 2009, a dire il vero un po’ alla chetichella e con la gente sotto l’ombrellone, è partita la nuova piattaforma satellitare di Rai-set (ovvero il duopolio Rai e Mediaset, più una spruzzata di La7) finalizzata non tanto a far concorrenza a Sky quanto a disturbare quest’ultima.

Un po’ come usava negli anni ’70/’80 quando diverse emittenti si facevano i dispettucci emettendo segnali che dovevano unicamente disturbare qualche stazione concorrente.

La vicenda, per come apparsa sui giornali, è sostanzialmente questa: il 31 luglio scadeva l’accordo pluriennale che legava Rai e Sky, tale per cui la tv di Stato forniva al monopolista del satellite (rammentate l’incredibile fusione – permessa a Murdoch dal centrosinistra – di Stream e Tele+?) contenuti e canali dietro un discreto ritorno economico.

Nel frattempo, si sa, grazie al calcio Sky ha raggiunto una quota di abbonati del tutto ragguardevole, tanto da superare persino Mediaset quanto a ricavi.

E’ a questo punto e sotto il governo presieduto dal proprietario di Mediaset, Silvio Berlusconi, che “Mamma” Rai decide di rinunciare all’offerta di rinnovo di Sky (danno erariale?) e di stringere un patto d’acciaio col suo maggior rivale per realizzare una piattaforma autonoma e riversare in essa tutte le programmazioni prodotte dai tre consorziati.

Ora, qual è il punto.

Per prima cosa, per vedere questi nuovi segnali (trasmessi anch’essi sui 13 gradi est di Eutelsat) occorre una smart card di cui nessuno sa ancora niente, salvo qualche grande centro commerciale che ha ricevuto poche unità di decoder contenenti l’acclusa scheda.

La maggior parte dei rivenditori, a due settimane dal lancio, brancola ancora nel buio più totale.

Ma quello che nessuno vi dice è un’altra cosa.

Ovvero che i quattro quinti dei canali inseriti in questo fantomatico pacchetto “TivùSat” già si potevano ricevere gratuitamente prima con un normalissimo decoder free-to-air.

E tutt’ora si possono continuare a ricevere così, senza nuovo decoder, senza card e senza risintonizzare niente.

E questo perché TivùSat non è una nuova piattaforma ma un patchwork di cose già esistenti, più qualche nuovo canale proveniente dal digitale terrestre.

Così se uno si sintonizza sulla frequenza 10992 potrà osservare il segnale di Rai Uno criptato per TivùSat, ma se spippola un po’, sulla frequenza 11766, potrà vederlo perfettamente nitido, oscurato solo in presenza di qualche evento sportivo internazionale (e neanche tutti).

Idem per altri canali. Bizzarra cosa!

Come spiegarsi poi che i canali che prima erano su Sky – non essendoci penuria di spazi sui multiplex già attivi e non sussistendo vincoli di diritti di trasmissione oltre confine – non siano ancora visibili sul digitale terrestre.

Quindi ci saranno abbonati Rai di serie A, che hanno speso circa 200 Euro per il nuovo decoder, che li vedranno e tutti gli altri di serie B (compresi quelli che la spesa per il dtt l’hanno voluta o dovuta affrontare) che non li vedranno neanche col binocolo.

Parliamo di Raisat Extra, Raisat Cinema, Raisat Prem1um, Raisat YoYo.

Per concludere, tutta questa operazione puzza… da qualunque parte la si osservi.

A chi giova, quale profilo di legittimità esprime, quanta gente metterà in casa un altro decoder, l’ennesimo telecomando e una matassa inestricabile di cavi?

Non sappiamo.

Quello che sappiamo è che non si vede il vantaggio per la tv di Stato e per i suoi abbonati, anche se forse si percepisce quello di Mediaset visto lo stato stagnante e abbastanza fallimentare della propria pay tv sul digitale terrestre (per inciso, sarà un caso che la codifica di TivùSat è la stessa, cioè Nagravision, di Mediaset Premium?).

Invece quanto alla pay per view di La7 (paghi solo ciò che vedi, esso sì un meccanismo veramente innovativo), poi ceduta agli svedesi di Dahlia, si può solo scrivere ciò che si annota per i giocatori che vanno in campo gli ultimi cinque minuti di partita: n.g. non giudicabile.

Nel frattempo nessun organo di informazione ha dato la notizia che dal 1 agosto è tornata visibile a tutti, via satellite (12303), la mitica Tele Capodistria che in lingua italiana propone approfondimenti e documentari di rara qualità in tempi di squallidi reality, gratis o a pago che siano!!!
Fonte: Futuroieri

  

Forum

Entra nel forum del Movimento 5 Stelle dell'Empolese Valdelsa.

Iscriviti alla Newsletter:

Loading...Loading...


Questionario 5 Stelle

Il MoVimento 5 Stelle è completamente autofinanziato dai suoi sostenitori
Scarica il programma del Movimento 5 Stelle
l'ArchiVio - Tutti gli Atti del Comune e la Rassegna Stampa

Versione Mobile



RSS Beppe Grillo Post

  • Parlamento in piazza
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); La votazione per il Parlamento in piazza ha visto prevalere a larghissima maggioranza i sì. Leggendo i commenti di ieri va fatta però qualche precisazione. I parlamentari non si dimetteranno, ma, anzi, quando riterranno necessaria la loro presenza entreranno in aul
  • L'Italia che si vende il rene
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Io sono al chiodo pure ad Agosto in un call center che tra un po’ perdo il posto delocalizzano in Albania io resto qui e il mio lavoro va via Di male in peggio, la crisi che avanza Poi parla Renzi e mi porta in vacanza Ma cosa conta se c’è già chi non ha più
  • La tempesta perfetta
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); Mentre Renzie si balocca con l'abolizione del Senato e in cambio Berlusconi salva il "grano", l'unica cosa a cui tenga, grazie al Patto del Nazareno di cui i cittadini non sanno nulla, l'Italia va allo sfascio economico. E chi lo denuncia è
Italian Bloggers BlogItalia - La directory italiana dei blog

Flash news dal mondo

Più di mille impianti pericolosi in Italia, ma la gente non lo sa

30 gen 2013

impianto

Un nuovo studio effettuato da Legambiente mette a nudo la disorganizzazione dell’Italia. Non che ci sorprendano tali dati, ma nemmeno pensavamo a casi di queste proporzioni. Il numero chiave oggi è 1.100, ed è il numero di impianti industriali che sono potenzialmente bombe pronte ad esplodere, con conseguenze anche peggiori …

Pirogassificatore: Perché la regione impugna la sentenza del TAR?

29 gen 2013

scarselli_luca

Apprendiamo con immenso sdegno che la Regione Toscana ha impugnato la sentenza del T.A.R. Toscana che nel dicembre scorso aveva annullato l’autorizzazione per l’impianto di incenerimento rifiuti di Castelfranco di Sotto Non comprendiamo questo “accanimento terapeutico” in favore di due società private. Il caro presidente Rossi deve oramai rispondere a …

Flash news da Empoli

«No all’inceneritore di Fibbiana», centinaia di adesioni al comitato

9 gen 2014

soa fibbiana

Cittadini contro Comune e Colorobbia che vuole realizzare un impianto per produrre energia dai rifiuti «Preoccupati per l’ambiente e la nostra salute». Oggi incontro pubblico in municipio a Montelupo MONTELUPO. Un comitato per dire No all’inceneritore di Fibbiana. È quello a cui hanno dato vita nelle ultime ore un gruppo …

Morire di lavoro

Luigi Rossi, 15 anni, Sparanise (Caserta)

27 set 2011

La vittima, Francesco Rossi, studente di un istituto professionale di Vairano promosso al secondo anno di studi, ha perso la vita rimanendo schiacciato sotto il trattore di proprietà del padre Luigi. Il quale, dopo l’incidente, in evidente stato di choc non è stato però in gradi di ricostruire per filo …

Commenti recenti

  • runespirit: I dati degli ultimi 5 anni sarebbero piu interessanti....
  • Massimo: Sono un genitore di una alunna che frequenta l'Enriques a Ca...
  • chiara: Le donne dovrebbero imparare ad essere donne, a rendersi con...
  • Nicoal: Se c'è una minima volontà di fare un inceneritore nella zona...
  • Gabriele: Per commenti positivi di donne sulla coppetta puoi andare su...
  • Silla: Chissà come mai i commenti più positivi a questo articolo ve...
  • Daniele Ulivelli: E meno male che quello di Fucecchio è un buon sito...