Home » In Evidenza » Ultimi articoli:

Scuole in affitto

giuseppe ottobre 4, 2013 In Evidenza, Politica News 1 Comment

Affitto scuola
Credevamo che le province fossero inutili. Invece per quanto riguarda la provincia di Firenze ci siamo ricreduti. Non è inutile: è dannosa! Si lamenta ogni giorno dei tagli, arrivando a minacciare di spegnere i riscaldamenti alle scuole e poi spreca all’inverosimile.
Solo ad Empoli ha 3 sedi scolastiche in affitto, in via Fabiani (IPSCT Leonardo da Vinci), in via Fucini (IS Virgilio) ed in via G. da Empoli (ITG Brunelleschi). Si tratta di edifici obsoleti, non a norma ed inadeguati per i quali viene pagato un affitto complessivo di € 756.000,00 ogni anno.
E siccome non sono provvisti di palestra altri € 100.000,00 di spesa occorrono per il noleggio di impianti del comune e per i bus per portarci gli studenti (con disagi, inquinamento, perdita di tempo, ecc.).
Possibile che sia mancata per decenni la minima programmazione e visione del futuro e che nessun amministratore provinciale abbia pensato a costruire una scuola degna di questo nome? Che ogni anno si gettino al vento oltre € 850.000,00 in affitti (più ovviamente le utenze) quando con gli stessi soldi si potrebbe pagare un mutuo per la costruzione di un edificio moderno, funzionale con ridotti consumi elettrici e termici? Con l’assurdo massimo della sede di via Fucini per la quale vengono pagati ben 165,49 €/mq cifra sproporzionatamente fuori mercato!
Chi sano di mente pagherebbe ad Empoli 1.500 € al mese per un vecchio appartamento di 110 mq? Con l’assurdo di varie aule dell’Istituto Ferraris ospitate a tempo indefinito dentro container stile post terremoto. Di fronte a tale colossale spreco non sembra possibile pensare solo ad incapacità ma viene da pensare molto di peggio, specie quando si legge dei problemi per mancanza di aule. Ci vorranno anni per rimediare ai danni causati da questi politici, ma occorre iniziare il prima possibile, in primo luogo dalla soppressione di questo ente dannoso.

  

La voce ai cittadini

Gabriele luglio 15, 2013 In Evidenza, Politica News No Comments

questionario 5 stelle instagram
Sempre alla ricerca di costante e proficuo dialogo con il cittadino, il Movimento 5 Stelle dell’Empolese Valdelsa da oggi parte ufficialmente con la campagna “La voce ai cittadini”, iniziativa diretta agli abitanti del territorio e relativa alle problematiche del medesimo.
Campagna di ascolto che si basa sulla distribuzione di questionari relativi agli argomenti principali del M5S nazionale -acqua pubblica, energie alternative, rifiuti, ecc.-, associati ad una valutazione su altre tematiche d’interesse specifico del nostro territorio, quali ad esempio i servizi e le politiche in esso esercitati.
La campagna di ascolto si basa sulla distribuzione, in occasione di eventi locali in tutti i Comuni della nostra area, di questionari che il cittadino può volontariamente compilare. La distribuzione avverrà quindi nel corso del periodo estivo in concomitanza con feste paesane, mercati e attraverso specifiche postazioni nelle piazze o nelle strade principali dei Comuni d’area.

Il questionario è reperibile anche al link www.empoli5stelle.com/questionario .

L’obiettivo è dimostrare in modo fattivo che una politica diversa è possibile e affinché ciò avvenga è indispensabile ascoltare i cittadini mettendoli in condizioni di partecipare alle decisioni e di esprimere al meglio le loro esigenze.
Ai politici normalmente non interessa l’opinione dei cittadini, di cui ci si dimentica fino alle elezioni. Invece con questa campagna si vuol dar voce, volutamente in periodo extra-elettorale, alle loro esigenze e chiamare l’amministrazione a dare risposte concrete e a prendere impegni precisi con loro.
Le informazioni raccolte saranno quindi il punto di partenza del futuro programma amministrativo partecipativo dell’area con la speranza che forme di partecipazione come questa vengano istituzionalizzate.

  

Combattere per la pace con le armi e altre storie

Gabriele giugno 28, 2013 In Evidenza, Politica News No Comments

Artici_M5S_F35
Anche oggi ci troviamo davanti alla pavidità di questo parlamento, davanti ad un largo accordo che rovina completamente il nostro paese, accordo che è basato sul ricatto di garantire stabilità a questo governo decisamente scarso.
Dopo 3 giorni di discussioni, di riunioni, di speranze ci troviamo davanti ad un ricatto parlamentare che ha partorito l’ennesimo progetto che, ripeto, affossa il nostro paese.
Dopo anni che, con fatica, i comitati ed i cittadini reperiscono informazioni per mostrare come questo programma sia assolutamente fallimentare, ci troviamo da loro portavoce, a poter fermare concretamente una spesa che è folle per tutti.
È folle per il PDL: il presidente Berlusconi disse con precisione: “Bisogna assolutamente rivedere le spese militari degli F-35, io ci farei del turismo aereo”
È folle per il PD: Bersani disse che “la nostra priorità non sono i caccia, la nostra priorità è il lavoro”
Con quale coraggio risponderete ai cittadini quando questo governo ci presenterà il conto dei tagli ai servizi, alla sanità, al trasporto locale, a quegli investimenti che porterebbero l’Italia ad un percorso di sviluppo diverso, ad un futuro non più basato sull’incremento del PIL grazie a strumenti di morte. Cosa gli diremo? che abbiamo speso 15 miliardi per 1000 posti di lavoro?
Ieri non avevamo canadair per spegnere 400ettari  di bosco incendiato in Sardegna… vogliamo usare questi strumenti multiruolo anche per questo?
Ci potete raccontare che servono per il pattugliamento, ci potete raccontare che sono propedeutici ai programmi di Smart Defense della NATO. Ci serviranno per difendere L’Islanda, la Lituania e la Slovenia come facciamo adesso? Forse ci serviranno, come ci dice il Ministro, per difendere le basi americane e le nuove strumentazioni USA come il MUOS?
È questa la risposta che volete dare per attuare l’art. 11 e 52 della costituzione?
Ci potete raccontare di tutto ma non ci potete dire che servono per portare la pace. I cacciabombardieri, come ci ha illustrato oggi il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, servono: “non solo per fermare la freccia, ma anche e soprattutto l’arciere”.
Mi dispiace, presidente, (anzi ne sono fiero) ma il nostro gruppo non è intenzionato ad avallare tanta mancanza di coraggio, tanta incapacità di saper prendere una decisione forte, diversa dal percorso che ci ha portato in questi anni qui in parlamento.
La mozione Speranza/Brunetta non sospende un bel niente. Rifiutandovi di votare la mozione che insieme ai parlamentari di Sel e anche del Pd abbiamo presentato, di fatto, voi accelerate l’acquisto degli F35, come dimostrano i recenti ordini fatti al governo degli Stati Uniti e alla Lockeed per l’acquisto di ulteriori 7 caccia da sommarsi ai 3 già acquistati.
Concludo volendo attualizzare un aforisma di John Lennon: “Combattere per la pace con le armi, è come pagare una minorenne perché non si prostituisca”.

  

Primo esposto

Gabriele maggio 22, 2013 In Evidenza, Politica News No Comments

corte-dei-conti1

Come già annunciato pubblicamente in Consiglio Comunale abbiamo proceduto a segnalare alla Corte dei Conti di Firenze i nostri dubbi sui profili di illegittimità dell’operazione portata avanti dall’unione dei comuni e dal comune di Empoli sulla gestione dei servizi finanziari.
Segnalazioni analoghe saranno fatte da questo movimento senza dubbio ogni volta sorgerà il dubbio che le pubbliche amministrazioni locali agiscano in modo non conforma alla legge con danno economici alla finanze pubbliche. Spetterà ovviamente alla procura regionale della Corte dei Conti valutare se gli enti in questione abbiano proceduto correttamente o meno.
Questo l’esposto presentato:

Il sottoscritto Gabriele Sani, residente in Empoli, via xxxx xx , nato a Empoli il 28/04/1980, in qualità di Consigliere Comunale del Comune di Empoli in rappresentanza del gruppo denominato Movimento 5 stelle Empoli

PREMETTE QUANTO SEGUE

Che in data 25 marzo 2013 con determina n. 16 (Allegato 1) il comune di Empoli ha approvato una “Convenzione per l’affidamento al Comune di Empoli delle funzioni di competenza del servizio finanziario all’Unione dei Comuni del Circondario Empolese –Valdelsa”;

Che nelle premesse della delibera si dice che “l’Unione non ha approvato la propria dotazione organica del personale dipendente, e che pertanto in tale fase transitoria si rende necessario dotarsi di una struttura provvisoria per il settore finanziario, onde consentire, per la funzione primaria ed essenziale che tale servizio richiede, il decollo dell’attività dell’ente”;

Che la legge regionale 38/1997 ”Istituzione del Circondario Empolese Valdelsa quale circoscrizione di decentramento amministrativo” ha istituito tale ente la cui operatività è iniziata nell’anno 2000 a seguito della effettiva delega di funzioni da parte della Provincia di Firenze, delega fatta con delibera n°18 del 7/2/2000;

Che sulla base della LRT 40/2001 sono stati sottoscritti tra il Circondario Empolese Valdelsa ed i comuni numerose convenzioni per l’esercizio associato di funzioni, quali ad esempio “sviluppo risorse umane”, “vincolo idrogeologico”, “protezione civile”, “società dell’informazione e della conoscenza”, “assistenza sociale ed integrazione di stranieri, apolidi e nomadi”;

Che il D.L. n. 2 del 25/01/2010 (come modificato dalla legge di conversone), all’art. 1 comma 1 ter ha previsto che “I circondari provinciali esistenti alla data di entrata in vigore della presente disposizione sono soppressi”;

Che nonostante tale previsione normativa il Circondario Empolese –Valdelsa non è stato soppresso, ma ha continuato a svolgere sia le funzioni delegate dalla Provincia sia le funzioni oggetto di convenzione per la gestione associata con i comuni;

Che con delibera dell’assemblea del Circondario n. 14 del 24 settembre 2012 è stata approvata approvato una revisione statutaria che ha dato luogo all’unione dei Comuni Circondario dell’Empolese Valdelsa”;

Che l’art. 52 della LR 68/2011, afferma che “l’ente associativo denominato Circondario Empolese Valdelsa è riconosciuto ad ogni effetto anche quale unione dei comuni”;

Che l’ente Circondario Empolese Valdelsa è stato dotato sin dalla sua istituzione di un proprio servizio finanziario, indispensabile per il funzionamento dell’ente (gestione del bilancio, liquidazione fatture, mandati di pagamento), a cui era (ed è tuttora) preposto un responsabile e che l’attuale Unione dei Comuni ha un proprio regolamento degli uffici e dei servizi che disciplina le attività dei servizi finanziari;

Che l’ente Circondario Empolese Valdelsa nella sua trasformazione in unione dei comuni ha mantenuto il proprio codice fiscale, il servizio di tesoreria, la propria sede legale, il proprio direttore, a dimostrazione che si tratta di una mera odifica di un ente esistente;

Che l’art. 24 della LR 68/2011, afferma alla comma 4, come modificato dall’art. 10, comma 1, L.R. 25 ottobre 2012, n. 59 che “Le unioni di comuni possono stipulare convenzioni tra loro o con singoli comuni ai sensi dell’articolo 30, comma 1, del TUEL, nonché convenzioni di cui all’articolo 20 con singoli comuni, a condizione che le unioni siano gli enti responsabili dell’esercizio associato” e che pertanto la convenzione tra unione di comuni e comune di Empoli sia illegittima;

Che per lo svolgimento di tale attività è oltretutto previsto che l’unione dei comuni versi al comune di Empoli un rimborso di € 15.000 per “uso del personale” oltre a “trasferimento a titolo di rimborso delle spese sostenute per costi vivi di funzionamento quali cancelleria, stampati, spese postali etc., da rendicontare annualmente”;

TUTTO CIÒ PREMESSO CHIEDE

a Codesta On.le Procura di accertare se a seguito dei fatti di cui sopra sia o meno prefigurabile a carico degli amministratori del Comune di Empoli e/o dell’Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa qualsivoglia responsabilità per danno erariale, avendo deliberato la stipula di una convenzione che all’esponente non risulta necessaria, in quanto prevede l’affidamento ad altro ente di funzioni già esercitate da una propria struttura, con aggravio dei costi e contravvenendo precise disposizione di legge

SI CHIEDE ALTRESÌ

qualora Codesta On.le Procura lo ritenesse opportuno, di fornire ulteriori precisazioni e riscontri e di essere informato dell’eventuale archiviazione del presente esposto.

  

Parco della memoria o la memoria di un parco?

Gabriele maggio 15, 2013 In Evidenza, Politica News No Comments

Empoli Parco Remo Scappini e Rita Chiarini targa

Recentemente durante un confronto televisivo nel consueto Faccia a Faccia di Antenna 5 dedicato al 25 Aprile, l’assessore Balducci ha voluto sottolineare come ai partigiani Remo Scappini e Rita Chiarini non fosse intitolata solo un pezzo di asfalto abbandonato nella zona industriale, ma anche un parco di nuova e recente cotruzione…
Bene, siamo andati a dare un occhiata a questo parco inaugurato come il centro commerciale Coop di via Sanzio nell’autunno del 2007, quindi appena 6 anni fa. Lo stato di abbandono è totale con erba alta, cestini straripanti, mattonelle disassate, ma non solo, sono evidenti anche gravi errori di progettazione ad esempio sulla pista ciclabile che è solcata praticamente ovunque da crepe profonde 10 centimetri.
Le immagini parlano da sole, il parco ha evidenti problemi di deflusso dell’acqua che ristagnando ha distrutto la pavimentazione e lo rende praticamente inservibile in caso di pioggia anche lieve.

  

Una firma per il giudice

gabriele aprile 11, 2013 In Evidenza, Politica News 5 Comments

gdp unione
E’ fissato per il prossimo 29 aprile il termine ultimo per la richiesta da parte dei Comuni per il mantenimento dell’ufficio del Giudice di Pace. A questo punto l’unica possibilità per il Circondario Empolese-Valdelsa di garantire la presenza di questo importante presidio sul proprio territorio è quella di assumersi gli oneri economici per il funzionamento e l’erogazione del servizio (compreso il personale amministrativo), restano a carico del Ministero i compensi dei giudici.
Dopo l’addio, quasi certo ormai, alla sezione del Tribunale, Empoli e tutto il comprensorio rischiano di perdere anche il Giudice di prossimità. Se ciò dovesse veramente accadere di tratterebbe di una perdita grave non solo perché verrebbe meno un presidio di legalità sul territorio che ad Empoli è presente da oltre sette secoli, ma soprattutto perché i cittadini verrebbero privati di un servizio che negli anni è stato erogato in maniera costante nonostante l’aumento dei procedimenti.
Contenzioni quelli dibattuti di fronte al Giudice di Pace sia di tipo civile che penale che ovviamente amministrativo, dalla semplice contestazione di una multa fino ad esempio alle successioni, atti che svolti da un notaio hanno un costo enormemente superiore.
Costi che poi si riverseranno sul cittadino in maniera diretta dovendosi recare a Firenze, oppure in maniera indiretta come spesa o come mancati servizi, basti pensare che in caso di contestazione di una multa due agenti di polizia municipale dovranno recarsi nel capoluogo per testimoniare, questo a spese della collettività.
Quello che comunque più dovrebbe preoccupare da un punto di vista politico è la distanza delle istituzioni dal cittadino che sentendosi meno tutelato anche nel proprio diritto di contestare una contravvenzione perderà inevitabilmente fiducia nelle istituzioni.
Venendo ai costi i Comuni qualora si consorziassero per porre rimedio a quella che potrebbe essere una situazione transitoria, sulla legge 156/2012 che sancisce lo smantellamento degli uffici periferici pesa un procedimento presso la Corte Costituzionale, sarebbero estremamente ridotti. Si parla di 120.000€ che per un territorio da 160.000 abitanti (Montespertoli è giudiricamente su Firenze, ma potrebbe essere l’occasione per accorpare questo servizio) stanno in una piega di bilancio. Costi ulteriormente comprimibili se l’Unione dei Comuni invece di accorpare uffici periferici ed in cronica carenza di personale come quelli di Polizia Municipale iniziasse ad accorpare l’Ufficio Personale, piuttosto che quello Gare.
Come MoVimento 5 Stelle porteremo sul territorio in queste tre settimane che ci separano dal 29 aprile una azione di informazione e raccolta firme.

Saremo presenti a:

  • Empoli: sabato 6, sabato 13 e domenica 14 e sabato 20 in piazza della Vittoria
  • Montelupo F.no: sabato 6, 13, 20 al mercato settimanale
  • Vinci: domenica 14 in Piazza della Libertà
  • Fucecchio: mercoldì 10 mercato centro, sabato 13 mercato Galleno, martedì 16 mercato San Pierino, giovedì 18 mercato Ponte a Cappiano, sabato 20 Piazza Montanelli
  • Castelfiorentino: sabato 6, 13, 20 al mercato settimanale
  • Gambassi: martedì 9, 16 mercato settimanale
  • Certaldo: domenica 21 mercatino antiquariato e artigianato.

  

Lettera per chi crede che.. “son tutt’uguali!!”

Andrea Cioni gennaio 30, 2013 In Evidenza, Politica News 1 Comment

scheda-elettorale
Il Punto è questo: io non vi sopporto più. Non sopporto le vostre lamentele, i vostri piagnistei, le vostre bestemmie. Non tollero più le vostre ingiurie ai parlamentari, ai governanti, ai vigili, ai postini e ai forestali. Non le tollero più perché non avete mai fatto niente per cambiare, non avete mai mosso un dito per poter dire: “io non sono complice”. Voi vi sareste aspettati un pensiero rufiano che vi dice: votate, votate perché siete intelligenti! Votate perché avete ancora molto da dire e da dare! Beh no, non sarò io a dirlo. Vi suggerisco di non votare MoVimento 5 Stelle. Non vi vogliamo, o meglio, non vogliamo chi pensa che tutto vada bene, chi si sente tranquillo e sereno, chi pensa che tutti siano uguali. Noi siamo diversi, siamo i marinai di una nave che sta affondando. Ma non ho per voi la minima pena, non ho per voi il minimo sentimento di fratellanza. Siete gli stessi che avete sostenuto Mussolini fino a farci affossare in una guerra mondiale solo perché vi sentivate protetti dall’uomo forte, siete quelli che avete sostenuto la DC ed il Psi, li avete lasciati rubare il rubabile al grido: “mangiano ma fanno mangiare anche me”, generando un “buco finanziario” esagerato ma nessuno di voi lo ricorda. Poi ci sono stati e ci sono ancora i “duri e puri”, quelli che da lontano strizzavano l’occhio alle Br e che oggi ci danno dei “qualunquisti”. Sanno criticare, ma non proporre. Fosse per loro gli ultimi resterebbero sempre ultimi, impegnati nelle loro letture e nei loro salotti radical chic, pronti al giudizio e mai alla proposta in un mondo che è cambiato in fretta e che non hanno saputo rincorrere. Mi fate pena e non voglio il vostro voto. Passa il tempo e vi siete affidati nuovamente all’uomo forte, privo di idee ma pregno di immagine garbata e familiare, il buon B. da Arcore. Non avete mai sposato delle utopie, ma una serie di criteri di vita standardizzati dalla pubblicità e dalle mode. Non avete mai proposto, avete sempre lasciato svolgere le funzioni pubbliche ad un manipolo di persone delegate per voi, solo perché più colti o di famiglia “in”o semplicemente ingabbiati dalla vostra pigrizia intellettuale e fisica. Dunque oggi non tollererò più la vostra pochezza, la vostra falsa morale che tirate fuori soltanto il giorno delle elezioni, in quei cinque secondi, per poi rituffarvi nel gretto delle vostre mancanze. Votate per la famiglia (vi dicono!) elementi vicini al vaticano con numerosissime mogli e nessuna morale che comunque riescono a vendervi. Non hanno nessuna idea di quello che accade realmente nei casati della penisola. Adesso avete un’altra occasione. L’ennesima. Il moVimento 5 stelle. Scommetto che perderete anche questo treno! Siamo i salvatori della Patria? Niente affatto. Siamo soltanto un’occasione, una possibilità per voltare pagina, per elevare la vostra reazionaria “rilassatezza da divano” in qualcosa di umanamente più “alto”. Vi offriamo di mandarci in Parlamento al patto che veniate con noi. Ci guiderete, ci giudicherete, ci marcherete stretto. I parlamentari a 5 stelle saranno il vostro specchio, se non sarà così, avremo fallito tutti. Vi chiediamo di fare passi importanti, scelte nette; dire no alla guerra come previsto in costituzione, ripensare i piani energetici di sviluppo, riqualificare il territorio investendo sul turismo e sull’agricoltura difendendola dagli sprechi degli accordi europei. Ti chiediamo di partecipare attivamente, controllare su internet i passi delle ragazze e dei ragazzi che sfonderanno la porta dei palazzi romani. Mi chiedo in questa ventosa giornata: davvero avete così tanta paura di cambiare? Anche adesso che tutto sta andando a rotoli? Davvero vi rassicurano di più le frasi del Bersani connivente con il crack mps o del Cavaliere colluso con il malaffare? Credete ancora possibile che l’uomo dei banchieri Monti possa risolvere i problemi delle persone comuni dopo aver versato l’intero ammontare dell’Imu per salvare MPS con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti? Non hanno mai sprecato una parola per chi rimane indietro, non sono equi, ma vi rassicurano. Perché? Perché lavorano (?) al vostro posto e vi permettono di vivere passivamente passando da un inverno all’altro tra un “si vedrà” e l’altro. Io non vi sopporto più! Dimostratemi che sbaglio, che posso ancora credere nell’Italia:
• Abolizione delle province
• Stipendio parlamentare allineato alla media degli stipendi nazionali
• Potenziamento e riduzione dell’impatto ambientale delle centrali termoelettriche esistenti
• Cittadinanza digitale per nascita, accesso alla rete gratuito per ogni cittadino italiano
• Eliminazione dei contributi pubblici per il finanziamento delle testate giornalistiche
• Statalizzazione della dorsale telefonica, con il suo riacquisto a prezzo di costo da Telecom Italia, e l’impegno da parte dello Stato di fornire gli stessi servizi a prezzi competitivi ad ogni operatore telefonico
• Abolizione delle scatole cinesi in Borsa
• Abolizione della legge Biagi
• Abolizione dei monopoli di fatto, in particolare Telecom Italia, Autostrade, ENI, ENEL, Mediaset,ecc…
• Potenziamento dei mezzi pubblici a uso collettivo e dei mezzi pubblici a uso individuale (car sharing) con motori elettrici alimentati da reti
• Piano di mobilità per i disabili obbligatorio a livello comunale.
GRATUITÀ DELLE CURE ED EQUITÀ DI ACCESSO
• Finanziare la ricerca indipendente attingendo ai fondi destinati alla ricerca militare
• Investimenti nella ricerca universitaria.

Questo è niente rispetto a quello che verrà, a quello che è previsto nel nostro programma. Affaticati, leggilo almeno una volta, non subire la politica passiva dei Bruno Vespa o dei Santoro e vai sul sito:

Scarica il pdfProgramma del MoVimento 5 Stelle

 

Offriti una possibilità, ma se pensi che siamo a chiederti un voto allora girati dall’altra parte e torna dai tuoi rassicuranti uomini perbene. Ti chiediamo un aiuto per noi e per te, non cerchiamo la protesta. Cerchiamo donne e uomini di proposta. Chiediamo un po’ di buonsenso, una rivoluzione culturale. Se non sei pronto, non votare MoVimento 5 Stelle!

  

Publiambiente vs Priula

Gabriele gennaio 18, 2013 In Evidenza, Interrogazioni 1 Comment

Tia confronto publiambiente priula

Nell’ultimo mese sono arrivate a tutte le famiglie ed alle attività produttive le fatture di Publiambiente relative al secondo quadrimestre del 2012.
La tariffa è stata ritoccata al rialzo con Delibera di Giunta per ben due volte, attestandosi a fine agosto 2012 alla quota di 22,53€ oltre iva per lo svuotamento del bidone grigio da 50 litri.
Quello che abbiamo chiesto con una interrogazione alla giunta è un confronto con le tariffe del Consorzio Priula che in Provincia di Treviso gestisce un sistema di porta a porta analogo al nostro con una esperienza più che decennale.
Fare un confronto al centesimo è forse difficile, sulla tariffa complessiva influisce in maniera non marginale lo spazzamento strade e quindi i centri storici presenti nel comparto, ma nel complesso le tariffe ci sembrano sensibilmente inferiori e più equamente distribuite.
Per le utenze domestiche il consorzio trevigiano si è completamente distaccato dalla superficie abitativa, il nucleo familiare paga 96,68€/anno indipendentemente dal numero di componenti, a questi si aggiungono 14,48€ per lo svuotamento di un bidone da 120litri di indifferenziato.
Diversa anche il conteggio degli svuotamenti minimi, 60litri a persona per Publiambiente, progressivo in base al nucleo familiare per Priula, 120litri un componente, 180litri due componenti ecc.
L’amministrazione è parsa piuttosto impreparata al confronto, l’assessore Balducci ha più volte ribadito il poco tempo intercorso tra la presentazione dell’interrogazione e la discussione in aula della stessa, quello che chiedevamo era a nostro parere una semplice esposizione di dati che la Giunta già doveva possedere per comprendere l’equità della tariffa di Publiambiente.
Abbiamo inoltre chiesto alla Giunta i dati economici complessivi relativi alla gestione dei rifiuti, da questi emerge che il costo complessivo di raccolta rifiuti e spazzamento ammonterà per il 2012 a 167,50€ ad abitante, di cui 84€ coperti dalle tariffe domestiche e solamente 8€ dai contributi CONAI, nonostante la raccolta differenziata superi largamente l’80%. L’assessore non è stato in grado di fornire i dati relativi alla vendita delle materie prime, alluminio, altri metalli, carta.
Viene da chiedersi come abbia fatto il Consiglio Comunale a deliberare le gravose tariffe rifiuti senza questi dati essenziali.
La verità è che ne le amministrazioni ne tanto meno l’ATO sono in grado di controllare davvero i conti del Gestore Publiambiente il quale paga oneri eccessivi di intermediazione mentre ricava esigue somme dalla cessione dei materiarli riciclabili ceduti a quella rete di società private in oligopolio che gestiscono la filiera dei rifiuti a valle della raccolta.
Per chi vuole approfondire in rete può cercare in rete la STA-Società Toscana Ambiente Spa, una holding facente parte del megagruppo UNIECO di intermediazione commerciale di rifiuti.
Noi sicuramente vista l’importanza dell’argomento ci torneremo sopra.

Scarica il pdfInterrogazione confronto tra tariffe rifiuti

  

Cosa resterà di questo 2012?

Gabriele dicembre 31, 2012 In Evidenza, Politica News 1 Comment

empoli tabellone elettronico buon anno
Empoli, anno domini 2012, come lo ricorderanno gli empolesi? Molte le cose accadute in questo anno sotto l’aspetto politico e sociale della nostra città proviamo a ricordarne alcune grazie alla lunga memoria della rete, con la consapevolezza che qualcosa sicuramente ci scorderemo.

Blocco dell bici in centro in un primo momeno la Giunta a seguito della “pedonalizzazione” del centro, il dietrofront dell’amminostrazione è arrivato anche in seguito all’organizzazione da parte nostre e di Empoli Ciclabile di una biciclettata.

L’ovovia ciclabile probabilmente il must del 2012 empolese sarà l’ovovia ciclabile, ovvero la “pista” ciclabile che va dal ponte sull’arno fino ad un punto indefinito nei pressi di Piazza della Vittoria. A suo tempo la definimmo un opera pericolosa, ad oggi abbiamo documentato almeno un paio di incidenti fortunatamente non gravi.

L’affaire Torrigiani l’assessore che percepiva indennità dimezzata, ma che non andava a lavorare.

La rottura della maggioranza PD-IDV forse conseguenza dell’affaire Torrigiani

Fassino che da buca alla festa del Partito Democratico, un duro colpo per la città.

La nascita dell’Unione dei Comuni una sorta di circondario 2.0, votato da PD e PDL, nato per eliminare le opposizioni ed i dissidi interni e che sposterà tutte o quasi le decisioni verso un organo non elettivo.

Il ritiro delle delleghe all’assessore Fiore conseguenza diretta della cacciata dell’IDV dalla maggioranza.

L’indegno attacco della Giunta al consigliere Dimoulas probabilmente uno dei punti più bassi della storia politica empolese di sempre, una giunta che si riunisce per dis-informare la stampa sulle assenze di un Consigliere, con un disprezzo totale anche per gli elettori, unici possessori del metro per giudicare l’attività politica di un eletto.

La mozione di sfiducia al Sindaco Luciana Cappelli, il 2012 lo ricorderemo anche per questa discussione, prima volta nella storia della nostra città. Mozione respinta da tutto il Partito Democratico in maniera compatta, renziani, bersaniani ecc.

Pallette di carta fanno allagare la scuola Don Bosco di Ponte a Elsa sì nel 2012 ci siamo sorbiti anche questa, delle pallette di carta che hanno messo a soqquadro una scuola.

La bufala dei pannelli informativi sui parcheggi dal costo di 300 mila € tra Empoli e Vinci. Dovevano entrare a regime a settembre, come ci ha ricordato l’assessore alla comunicazione Poggi, ad oggi forniscono informazioni, spesso sbagliate, sul meteo ed altri messaggi di buon auspicio.

Un buon 2013 a tutti.

PS. Ci vediamo in Parlamento, sarà un piacere.

  

Un albero neonato per ogni nuovo nato

Francesco C. luglio 16, 2012 In Evidenza, Interrogazioni 1 Comment


In un eccesso di buonismo ci era venuta la strana idea di ripescare dall’oblio della legislatura italiana la famosa legge Rutelli del 1992 (D.L. 113 del 29/01/1992), una proposta dell’allora esponente dei Verdi che obbliga i comuni italiani a piantare un albero per ogni nuovo nato (ogni nuova iscrizione di neonati all’anagrafe) nel territorio comunale. Tale legge è stata resa poi più cogente dal Senato nel 2011 rendendo i tempi di piantumazione piú vicini alla data di nascita.
La nostra interrogazione chiedeva se era stata applicata questa legge a Empoli, quanti alberi sono stati piantati e il numero dei nuovi nati dalla sua entrata in vigore, nel 1992.
La risposta dell’assessore Balducci, abbastanza completa anche se i tempi dalla presentazione sono stati stretti ci dice che i nati a Empoli sono stati 8217, ci ha fornito qualche dato sugli alberi piantati negli ultimi 3 anni ma che questi non sono quelli previsti dalla legge. Perchè? La legge prevede che gli alberi a disposizione dei comuni provengano dalla regione in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato, il quale fornisce gratuitamente piccole piante già pronte per la collocazione ma davvero neonate come i bimbi che ne sono “donatori”. Questo comporta che abbiano un difficile attecchimento e di conseguenza una breve vita, rendendo di fatto inutile e poco applicata la legge. È un vero peccato.
L’assessore ha tenuto poi a precisare la gran quantità di verde pubblico empolese e tutte le varie iniziative del Comune a favore dei nuovi nati, sottintendendo che l’applicazione o no di questa legge nulla sposta sull’attività del Comune. Non ne avevamo dubbi.
Avevamo intuito che forse le problematiche tecniche legate alle leggi della natura ne rendessero difficile la sua applicazione, possiamo soltanto suggerire che lo spirito ideologico e rappresentativo del gesto di piantare un albero per ogni nato potrebbe – aggirando le difficoltà vivaistiche – essere mutuato in un altra azione legata alle nuove nascite: l’adozione di un albero già esistente, di un cane o un gatto ricoverato nelle strutture comunali o qualsiasi altra azione che dia al nuovo nato il senso di appartenenza alla comunità empolese e perchè no, umana.

Testo completo dell’interrogazione

  

Forum

Entra nel forum del Movimento 5 Stelle dell'Empolese Valdelsa.

Iscriviti alla Newsletter:

Loading...Loading...


Questionario 5 Stelle

Il MoVimento 5 Stelle è completamente autofinanziato dai suoi sostenitori
Scarica il programma del Movimento 5 Stelle
l'ArchiVio - Tutti gli Atti del Comune e la Rassegna Stampa

Versione Mobile



RSS Beppe Grillo Post

  • Italia 5 Stelle chiama Rolling Stones #RollingStones5Stelle
    03:15googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Mick! Mick torna da noi. Mick, con i Rolling Stones, tornate! Dobbiamo fare una grande manifestazione come MoVimento 5 Stelle al Circo Massimo! Se non tornate voi Marino, il sindaco di Roma, non ci da lo spazio. Tornate! Così Marino vive una seconda giov
  • Franceschini e l’affare Expo: conflitto di interessi, M5S richiede accesso agli atti
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Dopo la notizia riportata sulla stampa dell’assegnazione di un appalto Expo a una società che usa i software della Netbook, azienda di Stefano Ceci, consigliere e braccio destro del ministro Dario Franceschini, M5S Lombardia si è subito mosso con una richiest
  • Lo sblocca Italia che aiuta i petrolieri
    googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1372239052320-0'); }); "Le norme contenute nello sblocca Italia confermano la volontà politica del Governo Renzi: favorire lo sfruttamento delle fonti fossili a discapito dei territori e dell’ambiente. La conferma arriva da una prima lettura del provvedimento circolata fuori sacco e
Italian Bloggers BlogItalia - La directory italiana dei blog

Flash news dal mondo

Più di mille impianti pericolosi in Italia, ma la gente non lo sa

30 gen 2013

impianto

Un nuovo studio effettuato da Legambiente mette a nudo la disorganizzazione dell’Italia. Non che ci sorprendano tali dati, ma nemmeno pensavamo a casi di queste proporzioni. Il numero chiave oggi è 1.100, ed è il numero di impianti industriali che sono potenzialmente bombe pronte ad esplodere, con conseguenze anche peggiori …

Pirogassificatore: Perché la regione impugna la sentenza del TAR?

29 gen 2013

scarselli_luca

Apprendiamo con immenso sdegno che la Regione Toscana ha impugnato la sentenza del T.A.R. Toscana che nel dicembre scorso aveva annullato l’autorizzazione per l’impianto di incenerimento rifiuti di Castelfranco di Sotto Non comprendiamo questo “accanimento terapeutico” in favore di due società private. Il caro presidente Rossi deve oramai rispondere a …

Flash news da Empoli

«No all’inceneritore di Fibbiana», centinaia di adesioni al comitato

9 gen 2014

soa fibbiana

Cittadini contro Comune e Colorobbia che vuole realizzare un impianto per produrre energia dai rifiuti «Preoccupati per l’ambiente e la nostra salute». Oggi incontro pubblico in municipio a Montelupo MONTELUPO. Un comitato per dire No all’inceneritore di Fibbiana. È quello a cui hanno dato vita nelle ultime ore un gruppo …

Morire di lavoro

Luigi Rossi, 15 anni, Sparanise (Caserta)

27 set 2011

La vittima, Francesco Rossi, studente di un istituto professionale di Vairano promosso al secondo anno di studi, ha perso la vita rimanendo schiacciato sotto il trattore di proprietà del padre Luigi. Il quale, dopo l’incidente, in evidente stato di choc non è stato però in gradi di ricostruire per filo …

Commenti recenti

  • Johna833: Yeah bookmaking this wasn't a risky conclusion outstanding p...
  • runespirit: I dati degli ultimi 5 anni sarebbero piu interessanti....
  • Massimo: Sono un genitore di una alunna che frequenta l'Enriques a Ca...
  • chiara: Le donne dovrebbero imparare ad essere donne, a rendersi con...
  • Nicoal: Se c'è una minima volontà di fare un inceneritore nella zona...
  • Gabriele: Per commenti positivi di donne sulla coppetta puoi andare su...
  • Silla: Chissà come mai i commenti più positivi a questo articolo ve...